Bancomat, lo facciamo spesso: la carta si smagnetizza

Per moltissime persone utilizzare il bancomat per fare i pagamenti è diventata la normalità. Ma, purtroppo, può capitare che la carta si smagnetizzi. Ecco quello che dovete sapere per evitare che vi succeda, o che vi succeda di nuovo

Bancomat smagnetizzato
Attenzione bancomat smagnetizzato (foto Adobe)

Tra le sensazioni di vergogna, il trovarsi alla cassa di un negozio con il bancomat che non funziona è forse tra le prime tre. Soprattutto perché non c’è in pratica modo di rendersene conto prima di provare ad effettuare un pagamento o un prelievo. Ma, con le opportune accortezze, potete rendere la carta smagnetizzata una possibilità molto più remota.

I motivi per cui una carta Bancomat diventa inutilizzabile perché si è smagnetizzata sono diversi e su alcuni in realtà non è possibile avere controllo. Ma ci sono altre situazioni che invece possono essere tranquillamente evitate. Ed è su queste situazioni che possiamo agire.

Come evitare che il bancomat si smagnetizzi

bancomat non funziona
Bancomat smagnetizzato, che fare? (foto Adobe)

La tecnologia ci permette di poter portare con noi tutti i nostri averi all’interno di una piccola tessera di plastica su cui è applicato un chip ancora più piccolo. Ma tutto questo concentrato di tecnologia ha diversi punti deboli. Innanzitutto una carta può smagnetizzarsi se viene utilizzata molto spesso. Questa è una situazione che può verificarsi se avete ancora un bancomat di vecchia generazione senza tecnologia contactless e che quindi va inserita o strusciata nel POS.

Leggi anche: Bancomat, se prelevi in questi posti scatta la commissione

Una seconda causa per cui il bancomat si smagnetizza sono il calore e le sollecitazioni meccaniche. Se avete l’abitudine di lasciare il portafoglio con il bancomat in auto, tenete presente che potreste rovinare la carta letteralmente cuocendola. Trattandosi di un pezzo di plastica infatti il bancomat di qualunque banca, è sensibile al calore. Sempre per quello che riguarda il tenere il bancomat nel portafoglio, assicuratevi anche di non piegare il portafoglio, magari riponendolo nella tasca posteriore dei pantaloni e poi mettendovi a sedere.

Leggi anche: Prelievo bancomat, mai superare questa cifra mensile

Un terzo grande nemico dei bancomat è il magnetismo. I campi magnetici prodotti da altri dispositivi, altre carte di pagamento, badge ma anche cellularitablet e computer possono interferire e rovinare il vostro bancomat, rendendolo inutilizzabile e costringendovi quindi a chiedere un duplicato. Evitate dunque le custodie per cellulari con gli spazi per le carte e non cedete alla tentazione di utilizzare le taschine interne delle borse per computer ma riponete sempre il bancomat in una ulteriore custodia rigida.