Assegno unico INPS, 4 mesi di arretrati: chi li avrà

L’Inps con un comunicato stampa pubblica i numeri dell’assegno unico per il nuovo anno e specifica chi avrà diritto agli arretrati

assegno unico
Assegno unico (Foto Pixabay)

L’assegno unico ed universale è ormai entrato in rodaggio, anche se rimangono molte le domande degli utenti. L’Inps, con un comunicato stampa del 1° aprile, annuncia che sono stati completati i pagamenti per le domande raccolte tra gennaio e febbraio 2022. Stiamo parlando di 4.774.022 figli come beneficiari. Una cifra importante che va a crescere se si tengono presente anche i numeri di marzo, per 1.789.250 figli.

L’Inps conta che dall’inizio dell’anno sono trate trattate domande per 6.774.199 figli, corrispondenti a 4.177.338 domande di assegno unico. I numeri importanti sono dovuti all'”universalità” dell’assegno. La novità del 2022 è che anche le famiglie ad alto reddito possono far richiesta di assegno unico per i figli. In questo caso però l’importo sarà davvero basso. Una delle componenti determinanti per la cifra dell’assegno è il reddito del nucleo familiare identificato dall’Isee.

Assegno unico Inps, chi ha diritto a richiedere gli arretrati

assegno unico arretrati inps
Assegno unico (Foto Pixabay)

L’altro fattore fondamentale per la determinazione dell’importo dell’assegno unico è il numero dei figli. Infatti dal terzo figlio in poi è prevista una maggiorazione. Il comunicato Inps prosegue con le istruzioni per coloro che non hanno ancora richiesto l’assegno unico. Una piccola percentuale che in ogni caso ne avrebbe diritto. Il pagamento avverrà il mese successivo l’inoltro della domanda.

Leggi anche: INPS, circolare sull’assegno unico di aprile: i dettagli

Leggi anche: Assegno unico INPS, chi può avere 1.200€ extra

Coloro che ne faranno domanda fino al 30 giugno 2022 potranno beneficiare di 4 mesi di arretrati. L’Inps specifica che verranno ugualmente corrisposti gli assegni a partire dal mese di marzo – cioè il mese di inaugurazione dei pagamenti – anche se la domanda è stata inoltrata a giugno. Dunque chi non ha ancora provveduto è meglio che lo faccia in fretta. Questo vantaggio è in vigore fino al 30 giugno. Chi salta questa data e richiede l’assegno unico da luglio inizierà a percepirlo da agosto senza arretrati.