Bonus INPS 2022, tutte le agevolazioni per chi ha l’Isee basso

Il governo è sceso in campo per aiutare le famiglie italiane con un Isee basso attraverso una serie di bonus e agevolazioni

controlli fisco
pixabay

Il governo ha messo a disposizione delle famiglie italiane in particolare difficoltà economica a causa del Covid-19 alcuni aiuti o agevolazioni. Tali aiuti spettano, nello specifico, a chi ha un Isee basso.

Requisito fondamentale per poter accedere alle agevolazioni è proprio possedere l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente che, lo ricordiamo, si può richiedere al proprio commercialista, Caf o Patronato, a partire già dai primi giorni di gennaio. Vediamo ora tutte le misure che rientrano nel Bonus Inps 2022.

Inps, tutti i bonus e le agevolazioni per il 2022

inps pensioni aumenti
(Pixabay)

Tra gli aiuti che rientrano nel Bonus Inps 2022 c’è il bonus asilo nido, contributo diretto alle famiglie con bambini fino a tre anni con patologie croniche. L’agevolazione Inps non è specifica per gli Isee bassi, ma per i nuclei familiari con redditi inferiori a 20mila euro, può arrivare anche fino a 3mila euro annui. Sempre per le famiglie con figli c’è l‘assegno di maternità il cui importo è deciso in base all’Isee. Infine il bonus terzo figlio che spetta a chi è in attesa di un bambino e ha già due figli con meno di 18 anni.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, scattano le assunzioni: da dove si inizia

C’è poi il bonus casalinghe, diretto agli enti di formazione con l’obiettivo di erogare corsi di formazione gratuiti a chi non ha un lavoro. Sempre per le famiglie arriva la carta acquisti 2022 per pagare le spese sanitarie o alimentari e le bollette di luce e gas per un importo di 40 euro al mese.

Spazio poi all’assegno sociale da 467,65 euro al mese per i cittadini con Isee basso. L’assegno emergenziale/integrativo che spetta a chi ha perso il lavoro ed è diretto a chi non ha Isee o lo ha inferiore a 10.230 euro ed è iscritto alla Gestione Assistenza Magistrale.

Leggi anche: Pensioni INPS, chi può richiedere 500€ di indennizzo al mese 

Ci sono poi il fondo d’integrazione salariale per chi si è involontariamente trovato senza lavoro, ed il reddito d’inclusione, la cui somma viene caricata mensilmente sulla Carta REI. L’agevolazione spetta alle famiglie con disabili, minorenni, disoccupati con più di 55 anni e donne incinte.

Ricordiamo il bonus Inps di 1.000 euro per lavoratori fragili, ovvero per coloro che hanno un’assicurazione economica di malattia registrata presso l’Inps. Infine l’esenzione ticket per i disoccupati con familiari a carico il cui Isee sia compreso tra 8.263,31 euro e 11.362,05 euro.