Bonus bancomat, 480 euro a disposizione di questi utenti

Nuovo incentivo che riguarda la circolazione del denaro attraverso le carte digitali. Il sostegno può raggiungere i 480 euro

bonus bancomat pos
(Pixabay)

Il cashback di Stato non c’è più per il 2022. L’esperienza è stata interrotta già nel 2021, dal 1 luglio. Il sistema di incentivo ai pagamenti digitali presso esercenti fisici ha avuto uno stop perché è stato ritenuto superfluo insistere. L’incentivo è passato, però, dall’altra parte. Stavolta sono gli esercenti a poter usufruire di un bonus per incentivare i pagamenti digitali in quanto tracciabili.

Ecco il bonus per i pagamenti digitali

bonus bancomat pos
Pagamento con carta (Foto Adobe)

Nello specifico, gli interventi sono di due tipi e tutti finalizzati a combattere l’evasione. Il primo riguarda l’incentivo sulle commissioni per gli incassi con carta. Queste potranno essere utilizzate al 100% come credito di imposta. In realtà, tale provvedimento era stato già preso dal precedente governo e anche se con la legge di bilancio 2022 non ci sono stati riferimenti, l’incentivo è considerato confermato. Il tetto massimo per il credito d’imposta per le commissioni è di 160 euro.

Leggi anche: Inps, bonus di 2000 euro per gli studenti: quando fare domanda

Tuttavia, questo importo cresce se si considera un secondo incentivo, il pos smart. Si tratta di un particolare pos avanzato che permette di trasmettere telematica di tutti i dati. In tal caso il credito d’imposta arriva a 320 euro per un totale di 480 euro di incentivi. Questi interventi rientrano nell’attività di lotta all’evasione fiscale iniziata dal precedente governo e proseguita da quello attuale.

Leggi anche: “La carta sta per bloccarsi”. Allarme Postepay: cosa succede

Gli incentivi ai pagamenti digitali camminano di pari passo con una vera rivoluzione proveniente dal mondo bancario. Gli sportelli delle filiali per prelevare denaro contante stanno via via chiudendo. Inoltre, sono previsti aumenti delle commissioni per il prelievo presso sportelli diversi dal proprio istituto. In molti territori poco popolati prelevare il contante sta già diventando sconveniente. Già sono nati, però, degli accordi commerciali con alcune attività che potranno offrire anche il servizio bancomat.