INPS, al via le domande per le pensioni anticipate: chi riguarda

L’Ente erogatore ha diffuso una nota dove viene dato il via alla procedura aggiornata per le domande di pensione anticipata

NPS opzione donna domande
Inps (Foto Adobe)

L’Inps ha dato notizia del via alla nuova procedura per effettuare le domande di pensione anticipata. Le domande non riguardano tutti, bensì una categoria di persone che possono chiedere la pensione anticipata nel 2022. Per quest’anno sono state confermate alcune misure in tal senso: è il caso di Opzione donna e Ape sociale, mentre Quota 102 ha sostituito, ma solo per il 2022, Quota 100.

Opzione donna, al via le domande

NPS opzione donna domande
Pixabay

La nota dell’Inps riguarda nello specifico le domande relative a “Opzione donna“. Si tratta della norma che prevede la possibilità di anticipare l’uscita dal lavoro e andare in pensione per le donne. E’ previsto un requisito anagrafico di 58 o 59 anni secondo che si lavori rispettivamente in maniera subordinata o autonoma. Sotto il profilo dei contributi è necessario aver versato almeno 35 anni per poter accedere all’anticipo previsto.

Leggi anche: Inps, bonus di 2000 euro per gli studenti: quando fare domanda

L’Inps scrive quanto segue: “La norma in esame modifica l’articolo 16, comma 1, del decreto-legge n. 4 del 2019, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 26 del 2019, relativamente al quale sono state date istruzioni al paragrafo 3 della circolare n. 11 del 29 gennaio 2019, estendendo la possibilità di accedere al trattamento pensionistico anticipato c.d. opzione donna alle lavoratrici che abbiano perfezionato i prescritti requisiti entro il 31 dicembre 2021“.

Leggi anche: “La carta sta per bloccarsi”. Allarme Postepay: cosa succede

L’Inps ricorda che in tal caso il calcolo della pensione seguirà il sistema contributivo: “In particolare, possono conseguire il trattamento pensionistico in esame, secondo le regole di calcolo del sistema contributivo previste dal decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 180, le lavoratrici che, entro il 31 dicembre 2021, abbiano maturato un’anzianità contributiva minima di 35 anni e un’età anagrafica minima di 58 anni se lavoratrici dipendenti e di 59 anni se lavoratrici autonome”.