Bonus Renzi, ecco chi dovrà restituirlo nel 2022

Il bonus Renzi di 80 euro poi diventato bonus integrativo da 100 euro dovrà essere restituito in alcuni casi

bonus renzi restituire
Banconote (Foto Adobe)

Il bonus Renzi di 80 euro, poi trasformato in trattamento integrativo da 100 euro, non spetta a tutti i lavoratori dipendenti. Per questo motivo esiste una categoria di lavoratori che ha ricevuto il riconoscimento in busta paga ma dovrà, poi, restituirlo. ll tutto è legato ai redditi percepiti, ossia se sono inferiori o superiori ad una certa soglia. In questi casi, infatti, scatta l’obbligo di restituzione.

Bonus Renzi, i casi di restituzione

bonus renzi restituire
Banconote euro (©Getty Images)

Nello specifico, dovranno restituire il trattamento integrativo, ex bonus Renzi, nei seguenti casi:

contribuenti che si trovano al di sopra della soglia dei 26.600 euro annui lordi;

contribuenti che si trovano al di sotto della soglia degli 8.174 euro annui lordi (la cosiddetta no tax area). Si tratta dei cosiddetti incapienti;

contribuenti che hanno subito errori nella compilazione del modello 730 ordinario e precompilato.

Leggi anche: Agenzia delle Entrate: cosa accade in caso di sanzione

La restituzione è prevista sia per il bonus Renzi di 80 euro, riconosciuto fino allo scorso 30 giugno, che per il trattamento integrativo di 100 euro, il quale è entrato in vigore a dal 1° luglio 2020. La restituzione. La verifica della restituzione avviene in sede di presentazione del 730. Va ricordato che dal 1° luglio 2020 è entrato in vigore il nuovo bonus per il taglio al cuneo fiscale, ossia il bonus integrativo, così impostato:

Leggi anche: INPS, invalidità parziale: in arrivo un assegno per 13 mensilità

il bonus di 100 euro mensili riconosciuto in caso di redditi superiori a 8.174 euro e fino a 28.000 euro;

una detrazione da 100 a 80 euro per i redditi da 28.000 a 35.000 euro;

superati i 35.000 euro di reddito e fino a 40.000 euro l’importo base di 80 euro si riduce progressivamente fino ad azzerarsi.

Per il 730 del 2022 si farà riferimento ai redditi del 2021 e si seguiranno ancora queste norme. A partire già dalle buste paga 2022, precisamente da marzo, andrà in vigore la riforma delle detrazioni Irpef in busta paga che cambierà anche quelle relative all’ex bonus Renzi e al trattamento integrativo.