Assegno figli INPS: ecco chi perderà i soldi del 2021

L’assegno unico per i figli parte dal 2022, ma nel frattempo sono stati disposti altri incentivi ponte, con delle scadenze ben precise

assegno
(pixabay)

L’assegno unico per i figli ha ricondotto su di sé tutti i bonus e gli assegni per chi è genitore. Stiamo parlando dell’assegno al nucleo familiare, che i lavoratori si trovavano in busta paga, ed i bonus per i figli, come ad esempio il bonus mamma domani.

Per questo periodo, cioè dalla fine dell’estate fino all’inizio del 2022, sono stati predisposti degli assegni ponte per permettere alle famiglie di ottenere agevolazioni economiche in attesa dell’assegno unico, la cui erogazione dovrebbe partire da marzo. Le richieste per l’assegno unico sono già partite, ma tra la richiesta e la ricezione del denaro passa sempre un po’ di tempo.

A tal fine l’Inps ha predisposto l’assegno temporaneo, quale misura “ponte”, dal decreto-legge 8 giugno 2021, n. 79, in attesa dei decreti legislativi attuativi dell’Assegno unico. L’Assegno temporaneo è erogato dall’INPS in presenza di figli minori di 18 anni, ivi inclusi i figli minori adottati e in affido preadottivo.

Assegno temporaneo, chi non ne avrà diritto

Record di domande per l'assegno ponte per i figli, 250 mila richieste
Pixabay

Con un messaggio del 5 ottobre 2021, l’Inps specifica i tempi e le scadenze per richiedere l’assegno temporaneo. La domanda per le mensilità arretrate è scaduta il 30 settembre 2021, e l’Inps l’ha prorogata al 31 ottobre.

Leggi anche: Niente Naspi nel 2022 per questi disoccupati: i dettagli

L’assegno spetta dal primo giorno del mese di presentazione della domanda ed è differenziato in base al numero di figli minori presenti nel nucleo, distinguendo nuclei con uno o due figli minori e nuclei con tre o più figli minori. In dettaglio:

Leggi anche: INPS, cedolino pensioni: ecco perché è importante e va consultato

  • si prevede una soglia di ISEE pari a 7000 euro, fino a concorrenza della quale gli importi spettano in misura piena, vale a dire pari a 167,5 euro per ciascun figlio in caso di nuclei con uno o due figli, ovvero a 217,8 euro per figlio in caso di nuclei numerosi;
  • si prevede una soglia massima pari a 50.000 euro di ISEE, oltre la quale la misura non spetta.

Il termine ultimo, oltre il quale non sarà più possibile presentare la domanda di Assegno, resta comunque fissato al 31 dicembre 2021.