Bancomat, evita il prelievo se noti questo: brutta sorpresa

Bisogna fare attenzione. Quando si effettua un pagamento bancomat o un prelievo ad un ATM si può essere truffati senza accorgersene

bancomat
pixabay

I modi per truffare sono molti. I più frequenti passano per il web ed attraverso le nuove tecnologie, ma c’è ancora chi tenta le truffe attraverso il Bancomat. Certo, la carta di debito dà accesso a tutto il conto corrente, e da quando i massimali di prelievo giornaliero e mensile si sono alzati, come anche i pagamenti contactless e le spese con il Pos, i truffatori in poco tempo possono portar via una bella somma di denaro.

Generalmente le banche riescono a prevenire le manomissioni, ma non sempre. I truffatori trovano spesso il modo, anche attraverso delle manomissioni, di aggirare i dispositivi di sicurezza. Per questo motivo è sempre bene stare attenti. Le banche, con il servizio home banking o con un servizio sms a pagamento, mettono a disposizione la possibilità di ricevere sms o notifica push ogni volta che c’è un’operazione sul proprio conto. Questo è un buon modo per difendersi e rinvenire movimenti strani il prima possibile.

Truffa Bancomat, cos’è lo skimming

bancomat
(pixabay)

Lo Skimming è una frode che consiste nell’inserimento o nell’applicazione su lettori carta di terminali ATM e POS di una particolare apparecchiatura chiamata «Skimmer», in grado di leggere e contestualmente copiare le informazioni contenute nella Banda magnetica della carta.

Leggi anche: Pensioni, in arrivo un nuovo aumento: ecco da quando

Disponendo di tali informazioni, i malfattori sono in grado di produrre un duplicato della Carta che però funzionerà solo a Banda. Non è invece possibile usare il duplicato per effettuare operazioni a microcircuito, in quanto le tecniche oggi diffuse non consentono di realizzare anche duplicati del Chip. Di conseguenza può essere semplice per la banca identificare questo tipo di truffe.

Leggi anche: Digitale terrestre, stasera in Tv: il gran finale su Canale 5

Essa è in grado di verificare in tempo reale se l’operazione di prelievo o pagamento sta avvenendo a Banda o a Chip e, qualora avvenga a Banda, ha la possibilità di declinare l’autorizzazione. Per cui, per evitare lo skimming, è sempre meglio utilizzare il chip piuttosto che la banda magnetica. Nel caso del prelievo, se si notano apparecchiature che non dovrebbero esserci, evitare l’operazione.