Mascherine Ffp2 obbligatorie: ecco chi le riceverà gratis

Le mascherine Ffp2 diventano obbligatorie per alcune categorie di cittadini e in determinate condizioni: saranno gratis per alcuni

mascherine ffp2 gratis
Donna con mascherina (Pixabay)

Il Covid-19 è nella sua piena quarta ondata in Italia. La variante Omicron sta galoppando da un mese ormai con una forte accelerata registrata durante le festività natalizie. I casi sono arrivati intorno ai 200mila al giorno è il governo ha emesso nuovi decreti per inserire ulteriori restrizioni. Insieme a queste ultime ci sono stati nuovi obblighi, da quello vaccinale, all’utilizzo delle mascherine Ffp2.

Ffp2 gratis per il personale scolastico

mascherine ffp2 gratis scuola
(pixabay)

Per l’occasione è stato firmato anche un protocollo tra il governo, attraverso il commissario straordinario all’emergenza Figliuolo, e le associazioni che rappresentano le farmacie. Lo scopo è stato quello di trovare un’intesa al ribasso sul prezzo di vendita dei dispositivi Ffp2, essendo diventati obbligatori in determinate occasioni. Tuttavia, va detto che non esiste alcun obbligo a parte delle farmacie a vendere le Ffp2 al prezzo stabilito di 0,75 centesimi. La scelta è nelle mani dei farmacisti e per questo motivo che i prezzi sono abbastanza variegati lungo il territorio.

Leggi anche: Bonus asilo nido INPS: chi rischia di non avere i soldi

Essendo obbligatorio in alcuni casi, come ad esempio per le persone venuta a contatto con positivi e che hanno la terza dose oppure la seconda da meno di 4 mesi. Inoltre, sono obbligatorie per salire sui mezzi di trasporto, dai treni e gli aerei per finire al trasporto pubblico locale. Infine, sono obbligatorie nelle scuole, ma soltanto per il personale scolastico, ossia docenti e Ata.

Leggi anche: Beffa Covid: multa anche per i vaccinati in questo caso

Proprio questo motivo, la categoria delle personale scolastico avrà la possibilità di ricevere gratuitamente le mascherine Ffp2. Opportunità che al momento, però, non è stata ancora soddisfatta nonostante l’apertura delle scuole avvenuta dal 10 di gennaio 2022. L’argomento è stato, infatti, oggetto di critica delle categorie rappresentanti dei direttori scolastici (presidi) che hanno chiesto di aprire le scuole dopo le festività in ordine sparso e soltanto a consegna avvenuta.