INPS, batosta per chi risulta positivo al Covid: la novità

E’ cambiata la normativa per la quarantena delle persone che hanno avuto contatti con i positivi da Covid-19

inps stangata malattia covid
Sito Inps (Foto Adobe)

La quarta ondata del Covid-19 avanza in maniera piuttosto veloce in questo inverno 2021/2022. Alla variante precedente, la delta, si è aggiunta omicron che ha la caratteristica di diffondersi in maniera più rapida. Tuttavia, il governo ha affrontato la quarta ondata con restrizioni equilibrate facendo leva soprattutto sui vaccini a disposizione. Rientrano in queste norme meno restrittive e più morbide rispetto a quelle del passato anche quelle relative alla quarantena per i contatti con i positivi.

Inps, per la malattia cambia tutto

inps stangata malattia covid
Inps (Foto Adobe)

Non è stata rifinanziata, infatti, la copertura dell’Inps per malattia delle assenze da lavoro per le persone che sono state a contatto con i positivi. In sintesi, chi sarà assente a lavoro perché ha avuto contatti con un positivo al Covid-19, dovrà coprire le sue assenze con ferie e permessi per non perdere lo stipendio. Una brutta notizia in questi giorni in cui i contatti con i positivi stanno diventando frequenti al punto da affollare le farmacie con tanto di code per verificare tramite tampone la propria eventuale positività.

Leggi anche: Inps, pensioni di febbraio: cosa accadrà ai pagamenti

La quarantena equiparata alla malattia era stata introdotta a marzo 2020 dal governo Conte 2 attraverso il primo decreto Cura Italia. Destinatari del provvedimento erano i lavoratori venuti a contatto con un positivo che non potevano svolgere il proprio lavoro in smart working. In quel periodo non c’erano, tuttavia, i vaccini. Questo provvedimento conferma la linea attuale del governo che cerca di fare le va sui vaccini a disposizione per affrontare la quarta ondata con meno restrizioni possibili.

Leggi anche: Stasera in Tv: novità su Rai 1, grande attesa su La 7

Tuttavia, l’andamento della quarta ondata non esclude il ritorno al rifinanziamento del provvedimento in considerazione del fatto che lo stato di emergenza del Paese è stato prorogato al 31 marzo 2022. La velocità con cui omicron sta avanzando non esclude, in sostanza, altri cambiamento in vista.