Agenzia delle Entrate, nuova multa in arrivo: i dettagli

Una nuova sanzione è prevista a partire dal prossimo mese per alcuni cittadini che commetteranno la nuova violazione

nuova multa
Banconote (Foto Adobe)

Il 2022 sarà un anno di vari cambiamenti sul tema del danaro. E’ stato ripristinato il limite del contante, possibile solo al di sotto dei 1000 euro. Inoltre, l’inflazione galoppa da mesi e molti prezzi non torneranno al passato, come spesso accade con i prodotti al consumo. Per contenere l’inflazione è stata predisposta la perequazione, ossia l’adeguamento delle pensioni all’inflazione. Inoltre, per effetto del taglio dell’Irpef le buste paga della classe media sarà leggermente più ricca.

Vaccinazioni Covid, scattano le multe 

nuova multa no vax
(Pixabay)

Sempre in tema di soldi, è prevista anche una maggiore stretta. I controlli dal 2022 si concentreranno su superbonus 110%, movimenti di contanti, reddito di cittadinanza. Inoltre, legato direttamente alla pandemia è la nuova sanzione prevista dal Governo che sarò direttamente operata dall’Agenzia delle Entrate. Si tratta della multa da 100 euro per coloro che non rispetteranno il nuovo obbligo vaccinale per gli over 50. L’obbligo è previsto sia per lavoratori che per non lavoratori.

Leggi anche: Canone Rai, stangata in arrivo dall’Agenzia delle Entrate: per chi

Le nuove regole del decreto dello scorso 5 gennaio saranno operativa il giorno dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dello stesso che dovrebbe avvenire a giorni. Gli over 50 avranno tempo fino al 31 gennaio per vaccinarsi. Per quanto riguarda la multa, l’Agenzia delle Entrate ha già un canale di comunicazione con le strutture sanitarie in quanto è l’ente che emette la tessera sanitaria e per motivi legati alle detrazioni fiscali delle spese sanitarie dei contribuenti.

Leggi anche: Bancomat, attenzione se ricarichi così: rischi i tuoi soldi

Il decreto ha anche inserito altre novità. Le scuole per ora restano in presenza a partire dal 10 e alcune regioni hanno già riaperto oggi. Tuttavia questa decisione è molto in bilico a causa delle pressioni che da più fronti stanno arrivando dal mondo delle scuole. Per lavorare sarà necessario il super green pass.