Novità conto corrente: chi non pagherà nulla nel 2022

E’ possibile aprire un conto corrente senza avere spese. I destinatari devono rispondere a determinati requisiti

conto corrente gratis
(Pixabay)

L’uscita da una crisi economica e dei consumi provoca sempre delle instabilità alla ripresa. Una sorta di scossone accompagnato da situazioni eterogenee caratterizzano questi periodi economici. Esistono, così, attività che vanno forte e altre che restano in bilico. Persone che incrementano i propri affari e altri che vanno sul lastrico e sono costrette ad affidarsi ai sostegni statali. Lo stato sociale di un paese che si rispetti, in questi casi incrementa i sostegni perché i risvolti negativi derivanti da una crisi economica sono notevoli.

Conto corrente gratis, ecco per chi

Conto corrente
Pixabay

Tra i vari sostegni esiste anche la possibilità di aprire un conto corrente bancario senza spese. E’ una possibilità offerta a persone o nuclei familiari che non superano una determinata soglia Isee. In particolare, non bisogna superare gli 11.600 euro annui in termini di condizione patrimoniale. In tal caso esiste l’agevolazione del conto corrente a zero spese. In particolare, le spese gratuite sono:

Leggi anche: Bancomat: con questo errore la carta viene inghiottita

l’imposta di bollo; il canone annuo; i costi del bancomat e delle carte di credito; operazioni come l’emissione di bonifici, le bollette, altri pagamenti (f24), i prelievi dagli sportelli automatici Atm. Un vantaggio non da poco considerando che le operazioni online sono aumentate mediamente del 15% nel 2021. Mondo bancario che si appresta ad una vra rivoluzione che coinvolgerà tutta la cittadinanza.

Leggi anche: Superenalotto: per l’Oroscopo questi segni sbancheranno

Gli sportelli bancomat e le filiali stanno gradualmente diminuendo sul territorio. Per gli istituti di credito è nata l’esigenza di tagliare i costi. Per sostituire il servizio si pensa ad accordi con altre realtà commerciali e di servizi presenti in maniera capillare sui territori come farmacie, supermercati, tabacchi e benzinai. In Umbria è già stato presentato il primo accordo con un gruppo di farmacie che offriranno il servizio bancomat.