Gratta e Vinci choc: 300€ di biglietti, poi la scoperta e la follia

La ludopatia è una vera e propria malattia che spesso può portare le persone ad avere atteggiamenti aggressivi in caso di perdita

Gratta e Vinci
Gratta e Vinci ‘Miliardario Maxi’

I Gratta e Vinci rappresentano senza ombra di dubbio uno dei giochi istantanei preferiti dagli italiani che, in pochissimi secondi, possono scoprire se hanno vinto un premio o devo ritentare la fortuna un’altra volta.

Il sogno di ogni cittadino è quello di essere vincitore di una cifra considerevole che gli possa cambiare la vita e donargli un po’ di stabilità economica in un periodo storico non proprio facile.

Ovviamente, tra chi acquista Gratta e Vinci “responsabilmente”, c’è anche chi è affetto da ludopatia e tende a giocare in modo compulsivo. In questo articolo ci occuperemo proprio di un fatto di cronaca che riguarda un uomo che ne ha combinata una grossa a causa della sua ludopatia.

Gratta e Vinci, nessuna vincita: uomo perde la testa in un bar

Un uomo affetto da ludopatia, ad Ancona, ha acquistato in un bar un numero considerevole di Gratta e Vinci per un totale di circa 300 euro. Dopo aver grattato tutti i tagliandi della lotterie istantanea, però, l’amara sorpresa: nessuno di quelli acquistati era vincente. La delusione per l’uomo che ha problemi di gioco è stata tantissima.

Leggi anche: Gratta e Vinci, colpaccio di Natale: vivrà il 2022 da milionario

A quel punto l’uomo, originario di Foggia, ha chiesto di poter acquistare altri Gratta e Vinci pagandoli con il bancomat ma, al rifiuto del barista lo ha aggredito. Per l’uomo, infatti, il barista faceva in modo di tenere per sé tutti i biglietti vincenti e di vendere solo quelli senza nessun premio.

Leggi anche: Gratta e Vinci, follia di Natale: compra 400 biglietti e alla fine…

La rissa è stata evitata grazie ad un uomo che lo ha trattenuto per le braccia. Quando l’aggressore ha provato a liberarsi dalla presa è caduto, ferendosi leggermente alla testa e ponendo fine alla mini rissa. All’arrivo delle Volanti della Questura di Ancona ha ammesso di essere ludopatico, sostenendo però di essere stato aggredito.

L’uomo è stato poi accompagnato in ospedale per essere medicato. In queste ore il personale della Divisione Anticrimine gli sta notificando il provvedimento di Foglio di Via Obbligatorio da Ancona, disposto dal questore per tre anni, con divieto di ritorno senza autorizzazione dell’autorità di Ps. Il 46enne ha precedenti per insolvenza fraudolenta e lesioni personali.