INPS, via ai controlli: ecco chi perderà la pensione nel 2022

Dal 7 febbraio 2022 i pensionati residenti all’estero dovranno compilare dei moduli di richiesta di attestazione dell’esistenza in vita

Inps controlli estero
Inps (Foto Adobe)

L’Inps ha reso noto attraverso una circolare che intende analizzare i destinatari delle pensioni che risultano residenti all’estero. L’approfondimento è dovuto perché potrebbe esserci qualche vuoto nell’incrocio dei dati del destinatario della pensione vivendo in un altro paese o, in certi casi, in un altro Continente. Per tale motivo l’ente ha predisposto un controllo per verificare sostanzialmente se i destinatari sono ancora vivi ed evitare che gli assegni vengano erogati in maniera illegittima.

Inps, cosa succede se non si completa la verifica

Inps controlli estero
Pixabay

Il controllo avverrà attraverso dei moduli che saranno inviati ai pensionati all’estero. Il modulo dovrà essere compilato con i dati richiesti tra cui quelli anagrafici e i recapiti. Infine, ci sarà una videochiamata che accerterà l’esistenza in vita del pensionato. In caso di mancata spedizione del modulo o, comunque, di mancata conclusione della procedura di accertamento, il pensionato dovrà ritirare personalmente la pensione in contanti presso gli sportelli indicati.

Leggi anche: Pensioni, tutti gli aumenti da gennaio: cifre e tabella 

In ultima analisi, è prevista la sospensione dell’assegno pensionistico fino a quando la procedura non sarà definita dal destinatario. Tuttavia, i pensionati avranno quattro mesi di tempo a partire da quando riceveranno il modulo. La procedura di accertamento, inoltre, partirà dal 7 febbraio del 2022. L’Inps ha affidato a Citibank Na il compito di effettuare le verifiche. Si tratta della stessa banca che si occupa dell’erogazione della pensione ai residenti all’estero.

Leggi anche: Bancomat, con quest’errore finisci in questura: non farlo

Tuttavia, i pensionati potranno effettuare il riconoscimento tramite videochiamata anche attraverso gli uffici consolari italiani presenti nel luogo dove essi risiedono. L’Inps ha provveduto, oltre alla pubblicazione di una circolare, anche a predisporre sul proprio sito internet una pagina dedicata all’accertamento suddetto; la pagina è intitolata “Accertamento esistenza in vita dei pensionati che riscuotono all’estero”. In quest’ultima sarà possibile leggere informazioni aggiornate sulla campagna di verifica e controllo.