INPS, chi va in pensione con “Quota 95” nel 2022

La legge di bilancio ha allargato la platea dell’ape sociale per il 2022 e previsto condizioni più favorevoli ad alcune categorie

nuove_categorie_ape_sociale_2022
(Getty Images)

Ore decisive per la legge di bilancio. L’approvazione alla Camera dei deputati  dovrebbe essere ormai una formalità dopo le approvazioni precedenti già avvenute. La fiducia posta dal governo garantisce l’approvazione. Tema caldo è stato e rimane quello relativo alle pensioni. Non si è trovato un accordo su una riforma strutturale delle pensioni e sono state confermate per il 2022 l’ape sociale e opzione donna. Inoltre, sempre soltanto per il 2022, sostituita Quota 100 con Quota 102.

Ape sociale e “Quota 95”nuove_categorie_ape_sociale_2022

La novità per il 2022, oltre a Quota 102 che rispetto a Quota 100 alza di due anni il requisito anagrafico portandolo a 64, è l’ape sociale. Questa, infatti resta con le condizioni di 63 anni di età e 36 di contributi ma viene allargata. Inoltre, per alcune categorie è previsto il taglio del requisito dei contributi che passa da 36 anni a 32. Si tratta dei lavoratori edili.

Leggi anche: Pensioni, tutti gli aumenti da gennaio: cifre e tabella 

L’ape sociale prevede nello specifico la possibilità di ricevere l’erogazione di un sussidio mensile d’importo massimo di 1.500 euro lordi a carico dello Stato. Ciò avviene in attesa di maturare l’età per la pensione di vecchiaia, ossia 67 anni anche nell’anno 2022 come prevede la legge Fornero che rimane come norma ordinaria in vigore. La novità principale riguarda l’allargamento della platea di lavori (foto) considerati gravosi e che possono accedere all’ape sociale.

Leggi anche: Avviso INPS: via ai controlli, chi rischia di perdere la pensione

Inoltre, operai edili, ceramisti e conduttori di impianti per la formatura di articoli in ceramica e terracotta possono accedere all’ape sociale con 63 anni di età e 32 di contributi anziché 36. In sostanza, per queste categorie di lavoratori vige per il 2022 una sorta di “Quota 95“. Secondo le stime del ministero dell’Economia e finanze l’allargamento dell’ape sociale con le nuove condizioni poterà ad avere nel 2022 21.200 uscite