Postepay Evolution, il nuovo aumento riguarderà tutti?

Con l’inizio del nuovo anno i possessori di Postepay Evolution dovranno fare i conti con un aumento sul canone annuo

Postepay

Il 2022 si apre con una notizia alquanto spiacevole per tutti i possessori della Postepay Evolution, la carta di Poste Italiane dotata di codice IBAN.

Tutti coloro che hanno una carta di debito Evolution attiva dovranno infatti fare i conti, ad inizio anno, con un importante aumento del canone. Vediamo insieme tutti i dettagli e se c’è un modo per evitare questo aumento.

Postepay Evolution, aumento dal 2022: ecco perché

(Getty)

La Postepay Evolution è tra le carte di debito più usate dagli italiani dal momento che prevede funzioni come un vero e proprio conto corrente bancario dal momento che è dotata di Iban. Utile e pratica per le sue funzioni smart, fino ad oggi la carta si è rivelata una soluzione economica per chi vuole una carta che funga da conto corrente senza doverne aprire uno in banca.

Leggi anche: Inps: brutta sorpresa per molti dal 1° gennaio

A cambiare a partire dal prossimo mese di gennaio sarà il canone annuo della carta che passa da 10 euro a 13 euro. A comunicarlo è la stessa Poste Italiane che specifica che l’aumento è stato applicato già dal 13 dicembre e per tutti i clienti che hanno attivato la carta prima dell’1 gennaio 2019.

Leggi anche: Novità Gratta e Vinci ‘Il Miliardario’: cosa cambia

Le notizie però non finiscono qui. A cambiare con l’inizio del nuovo anno sono anche i costi di attivazione per i nuovi clienti. Per Postepay Evolution si dovranno pagare 5 euro per l’emissione della carta e 15 euro di ricarica. Tutti i prelievi sono gratuiti se effettuati tramite ATM di Poste Italiane, mentre costeranno 2 euro a operazione se effettuati in altri sportelli bancomat.

Il motivo dell’aumento dei costi è stato giustificato da Poste Italiane con il fatto che si sta adeguando ad una serie di costi di gestione e dei servizi. A causa dell’inflazione e dell’aumento di luce, gas, materie prime e carburanti, l’azienda si è trovata costretta ad applicare alcune rimodulazioni per poter così rientrare nei costi delle spese vive.