Inps, saltano questi pagamenti: rimandati dopo le feste

Inps, ecco quali pagamenti saltano per via delle festività natalizie: si tratta degli assegni previdenziali

pensioni inps
(pixabay)

Il mese di dicembre è un periodo di pagamenti per l’ente previdenziale. L’Inps è alle prese tra i vari bonus e sostegni oltre alle pensioni. A queste ultime si aggiungono, poi, le tredicesime mensilità previste per le festività natalizie. Tuttavia, ci saranno dei pagamenti che dovranno slittare a gennaio del nuovo anno, ossia dopo le festività natalizie, o quasi. Il quasi è dovuto al fatto che questi pagamenti avverranno ai primi di gennaio mentre è ben noto che le festività si chiudono il 6, giorno dell’Epifania.

Inps, i pagamenti che slittano a gennaiopensioni inps

I pagamenti in merito sono le pensioni di gennaio che non saranno anticipate per tutti. L’Inps, in accordo con Poste Italiane, ha confermato anche per gennaio l’anticipo della pensione a fine dicembre. Tuttavia, l’anticipo non vale per tutti. Potranno ricevere i pagamenti in anticipo solo coloro che ricevono l’accredito della pensione dall’Inps su un conto bancoposta. Tutti gli altri casi, ossia per quanto riguarda l’accredito presso gli istituti di credito, la pensione potrà essere ritirata il primo giorno bancabile del mese.

Leggi anche: INPS: brutte notizie per il bonus caro alle famiglie

In questo caso, considerando le festività, se ne parlerà mercoledì 2 gennaio 2022. Intanto è stato reso noto il calendario dei pagamenti anticipati delle pensioni presso le Poste. L’ordine è il seguente:

A-C: 27 dicembre, lunedì;

D-G: 28 dicembre, martedì;

H-M: 29 dicembre, mercoledì;

N-R: 30 dicembre, giovedì;

S-Z: 31 dicembre, venerdì (mattina).

Leggi anche: Buste paga, aumenti fino a 600€ nel 2022: chi riguarda

Sui pagamenti relativi a gennaio i pensionati troveranno anche le rivalutazioni dovuti per contenere l’inflazione. In sostanza ci sarà un aumento calcolato sulla percentuale dell’1,7% che corrisponde alla perequazione dell’inflazione media annua alla data del 15 dicembre 2021. Il riferimento è stato preso con anticipo per permettere all’Inps di poter applicare gli amenti a tutti gli assegni e renderli operativi con riferimento alle pensioni di gennaio 2022.