Buste paga, aumenti fino a 600€ nel 2022: chi riguarda

La manovra finanziaria mira a tagliare le imposte mentre ma ci sono enti locali che aumentano le addizionali all’Irpef

irpef tasse
Foto Markus Spiske Unsplash

Il Parlamento è alle prese con la legge di bilancio che va approvata entro il 31 dicembre. In essa è collegata anche la riforma dell’Irpef che prevede dei tagli alle imposte sulle persone fisiche. Si pagheranno meno tributi sul reddito e anche chi percepisce busta paga o pensione ne trarrà giovamento. Tuttavia, non tutti gli italiani potranno esultare per il 2022. Esistono, infatti, le addizionali locali all’Irpef che sono indipendenti da quanto decide lo Stato.

Aumenti in busta paga, ma non per tutti

irpef tasse
(Pixabay)

E’ il caso della Campania che in queste ore sta varando la manovra finanziaria ed è previsto l’aumento delle addizionali regionali all’Irpef. La manovra dell’ente regionale campano prevede un taglio per redditi fino a 15mila euro e un incremento graduale per tutti gli altri. Intanto l’aliquota fissa subirà un aumento e passerà al 2,03%. L’aliquota variabile, invece, sarà progressiva e arriverà fio al 3,33%.

Leggi anche: Pensioni 2022, l’aumento è previsto davvero per tutti?

In quest’ultimo caso si tratta dei redditi che superano i 75mila euro annui. Per costoro l’aumento sarà di 580 euro, una stangata che va probabilmente a mitigare i tagli effettuati dallo Stato. In sintesi, per i campani ci saranno meno soldi in busta paga o sugli assegni pensionistici. Napoli, in particolare, potrebbe subire un ulteriore aggravio della situazione. Il Comune, infatti, sta per godere di un emendamento a sostegno della situazione difficile sotto il profilo finanziario.

Leggi anche: Regalo di Natale con il 10eLotto: centrata una super vincita

Tuttavia, per ricevere il sostegno dal Governo, l’amministrazione in carica dovrà, entro febbraio, presentare un programma di rientro. In caso di mancata conferma di quanto previsto, per i napoletani scatterà l’aumento dell’addizionale comunale all’Irpef che si aggiungerà a quella regionale in via di approvazione a  Santa Lucia. Oltre al danno dei disservizi causati dalle restrizione per il pre-dissesto, per i napoletani arriverebbe anche la beffa.