“Conto sospeso”. Allarme Poste: utenti in panico per l’sms

Torniamo a parlare di una pericolosa truffa ai danni di possibili clienti Poste Italiane che potrebbero ricevere un sms molto pericoloso o una email ingannevole

(Facebook)

La nuova truffa che rischia di colpire i clienti di Poste Italiane si insinua con un sms o anche con una email da un fantomatico servizio clienti.

Sia il messaggio inviato sui cellulari sia l’email che si annida nelle caselle di posta hanno, come sempre in questi casi di truffa, lo scopo di convincere eventuali utenti a cliccare sul link proposto e ad inserire i propri dati di accesso in quello che ritengono essere il sito ufficiale di Poste Italiane ma che in realtà è uno specchietto per le allodole. I messaggi diffusi via SMS e via email sono leggermente diversi ma il risultato è lo stesso.

Il consiglio è di non rispondere e di non cliccare su nessun link di nessuna comunicazione che non sia verificabile in modo autonomo sul proprio profilo bancario o postale.

Truffa Poste Italiane: attenzione sms o email

Veniamo alla prima truffa, quella che sta raggiungendo moltissimi numeri di telefono con un sms. Il mittente sembrerebbe essere infoposte e il messaggio si apre con la parola “attenzione” scritta maiuscola e seguita da una serie di punti esclamativi. Già questo dovrebbe far venire a chiunque il dubbio che si tratti di una comunicazione non ufficiale: nessun profilo ufficiale invia comunicazioni scrivendo come un adolescente.

Leggi anche: Gratta e Vinci, piovono vincite col biglietto sottovalutato

Il messaggio è poi scritto con parole che iniziano tutte con la maiuscola, altra stranezza che neanche il peggior compositore automatico di messaggi riuscirebbe a fare. Terzo elemento che ci fa capire che siamo di fronte ad una truffa è il link che è assolutamente non coerente con qualunque link possibile dal sito Poste Italiane.

Leggi anche: Digitale terrestre, bisogna cambiare anche l’antenna UHF?

Abbiamo accennato però ad una seconda truffa che viaggia invece via mail e prende di mira fantomatici clienti che hanno una Postepay. Anche se il messaggio è leggermente diverso e sembra più istituzionale si nota innanzitutto un errore nella battitura della parola “cliente” in cui manca l’ultima vocale e poi altre stranezze, tra cui di nuovo delle maiuscole in posizione insolita e la mancanza di qualunque equivalente digitale della carta intestata.

Se si tenta di cliccare sul link (abbiamo ricevuto anche noi questa comunicazione truffa e l’abbiamo aperta  in un ambiente digitale protetto) fortunatamente il browser identifica subito che si tratta di un link potenzialmente pericoloso ed evita che si prosegua. Si tratta questa però di una misura che non sempre entra in azione in maniera tempestiva ed è quindi, di nuovo, raccomandato di non cliccare sugli eventuali link. Se avete dubbi, ammesso che siate effettivamente clienti Poste Italiane, vi consigliamo di contattare immediatamente le poste per segnalare La truffa.