Pensioni: previsto l’aumento con questo passaggio all’INPS 

Molti pensionati non sanno che è molto semplice aumentare la pensione con una semplice comunicazione all’INPS

pensione
(pixabay)

Sono davvero tanti i pensionati in Italia e altrettanti quelli che si apprestano a lasciare il mondo del lavoro per concedersi il meritato riposo. A volte, però, può capitare che la pensione non corrisponde alle aspettative e ci si chiede se c’è un modo per aumentare il rateo.

Oltre che, ovviamente, versare maggiori contributi ci sono anche delle altre opzioni e, tra queste, rientra quella che permette di aumentare velocemente la pensione a partire dal 2022 facendo una semplice comunicazione all’INPS.

Pensioni, come ottenere un aumento dal 2022

pensioni
(pixabay)

La prima cosa da fare per ottenere un aumento è controllare il cedolino dell’INPS dove i pensionati possono verificare l’importo dei trattamenti liquidati. Oltre al cedolino andrebbe consultato anche il modello Obis/M che riassume tutte le informazioni relative alle pensioni. Dall’analisi di questo modello potrebbe addirittura emergere la mancanza sulla pensione di alcuni diritti.

Leggi anche: Multa bancomat: ecco chi rischia grosso dal 2022

A volte, poi, può capitare che il pensionato si iscriva ad un sindacato per inoltrare delle istanze all’INPS, come domande di disoccupazione o la pensione. A seguito di questa iscrizione può derivare l’applicazione di una quota associativa, trattenuta direttamente sul trattamento pensionistico. Il pensionato può versare la quota associativa, autorizzando l’INPS a trattenerla direttamente dalla pensione e a girarle all’organizzazione sindacale.

Leggi anche: Inps, sms a tutti gli italiani: attenti dal 1 gennaio

Spesso accade che ci si dimentichi totalmente di tale iscrizione e i soldi vengono appunto trattenuti sulla pensione. In parole povere, sulla pensione percepita si detrarrà l’importo della quota associativa.

Se il pensionato non intende pagare tale quota, potrà esercitare la revoca in qualunque momento accedendo al portale web dell’Istituto, nella sezione dedicata “Gestione deleghe sindacali su trattamenti pensionistici”. Annullando ora questa delega, a partire dal 2022 sarà possibile trovare sulla pensione un piccolo aumento mensile che consiste proprio nell’abolizione della quota associativa.