Stangata bancomat, si comincia nel 2022: cosa cambia

Nel 2022 cambia tutto per quanto riguarda il bancomat. Stangata per i clienti che avranno una brutta sorpresa

Bancomat
Pixabay

E’ tempo di cambiamenti sotto vari aspetti dell’economia. la pandemia ha cambiato e cambierà molte cose ancora. Da un lato sono stati accelerati processi già in corso o in procinto di attuarsi. Dall’altra, c’è maggiore disponibilità di danaro dalle istituzioni per favorire il rilancio dell’economia. Questo provocherà tanti cambiamenti, forse epocali. Sotto il profilo dei pagamenti, si punta ad aumentare, come già avvenuto, quelli digitali.

Bancomat, aumenti dei prelievi: i dettagli 

bancomat
(pixabay)

Poi c’è il fronte energetico con l’Italia e l’Europa stretti nella morsa della dipendenza energetica estera e del cambiamento climatico. Nel mondo bancario è pronta l’accelerata della chiusura degli sportelli bancari. Sta diventando sempre più difficile trovare bancomat in prossimità della propria abitazione, specie nei piccoli centri ma anche nelle periferie delle grandi città. Spesso si è costretti a prelevare presso sportelli di altre banche, diverse dalla propria con il pagamento della commissione.

Leggi anche: Se fai questo sogno gioca un Gratta e Vinci: puoi sbancare

Proprio sotto questo aspetto, è certo l’aumento ormai dei costi delle commissioni che si faranno presso sportelli atm diversi dalla propria banca. Dovrebbero costare fin a 3 euro per singola operazione anche se l’amministratore delegato di Bancomat SpA ha annunciato al giornale che la prospettiva è arrivare ad un tetto massimo di 1,50 euro a commissione. E’ l’obiettivo di un programma di cambiamento delle regole proposte da Bancomat SpA all’Antitrust che dovrà esprimersi.

Leggi anche: Digitale terrestre: come vedere tutti i canali anche senza decoder

Per quanto riguarda i tempi, l’Antutrust si esprimerà entro aprile 2022. Quindi, prima di questa data nulla cambierà per gli utenti. Tuttavia, l’amministratore di Bancomat non esclude che si possa avere il parere anche prima. Poi, però, ci sono contratti da modificare. Vanno inoltre aggiornati i sistemi, i pos, gli atm. Secondo il dirigente, insomma, andrà via probabilmente gran parte del 2022 prima che cambi qualcosa sul prelevamento di contante.