Bancomat, che beffa: non puoi più ritirare questa cifra

Novità importanti a partire da gennaio 2022 per tutti coloro che prelevano dal bancomat. Si rischiano multe se si trasgredisce

Bancomat
Bancomat (Foto Adobe)

Il 2022 potrebbe non iniziare nel migliore dei modi per tanti italiani abituati a prelevare cifre consistenti dagli sportelli ATM del bancomat.

Oltre all’inflazione, al pagamento di tasse e tributi, gli italiani meno accorti si ritroveranno a dover pagare anche multe molto salate se non presteranno attenzione a questo dettaglio a partire dal primo giorno dell’anno.

Bancomat e prelievi, cosa cambia da gennaio 2022

Bancomat
Bancomat (Foto Adobe)

A partire dal 1° gennaio 2022 gli italiani dovranno ricordarsi di un importante particolare quando si apprestano a prelevare soldi dal bancomat. A partire dall’anno nuovo il governo Draghi ha messo in campo una nuova misura per combattere l’evasione fiscale che va a colpire proprio chi si appresta a prelevare contanti dallo sportello ATM.

Leggi anche: Se fai questo sogno gioca un Gratta e Vinci: puoi sbancare

Prelevare contanti al bancomat sta diventando sempre più difficile: se da una parte assistiamo alla loro diminuzione, dall’altra parte il governo sta mettendo in campo misure per scoraggiare il prelievo di contanti così da combattere l’evasione fiscale e tracciare tutti i nostri pagamenti.

Dal primo giorno del nuovo anno dallo sportello bancomat sarà possibile prelevare meno di mille euro, ad essere precisi la cifra massima del prelievo sarà di 999,99 euro. Tutte le altre operazioni di importo maggiore di mille euro dovranno essere effettuate esclusivamente tramite bancomat-carta di credito, bonifici, giroconti e via dicendo. Anche nei negozi, in contanti, non si potrà spendere più di 999,99 euro.

Leggi anche: Premio da 1.099€ per chi ha un libretto postale: i dettagli 

Nel caso in cui dal 1° gennaio sarà prelevata una somma superiore al tetto massimo di 999,99 euro, scatteranno dei controlli da parte della vostra Banca e dalle autorità preposte. A partire dal primo giorno del nuovo anno si dovrà quindi dare una vera e propria spiegazione per i prelievi superiori al tetto massimo.

Coloro che non hanno una spiegazione valida e hanno trasgredito prelevando di più andranno incontro a multe salatissime. Queste andranno da un minimo di 2.000 mila euro ad un massimo di 50.000 mila euro.