Rimborso INPS, c’è l’annuncio: chi riceverà 312€ sul conto

Lo comunica l’Ente in un messaggio del 1° dicembre 2021. I lavoratori interessati si vedranno recapitare la cifra direttamente sul conto

(Pixabay)

Alcune categorie di lavoratori verranno rimborsate di 26 euro al mese per tutto l’anno, cioè per una cifra totale di 312 euro. Può sembrare poco, ma con l’inflazione in rialzo ed il caro bollette è una cifra che può aiutare le famiglie italiane.

Vediamo cosa dice il messagio Inps: “A beneficiare della contribuzione figurativa sono 20.888 lavoratori. Restano in bilico circa 4.402 lavoratori per i quali è stata rilevata una situazione di anomalia e bisognerà approfondire la situazione caso per caso da parte delle Strutture territoriali competenti.”

“Quindi, i lavoratori che nell’estratto conto individuale, non trovano l’accredito dei contributi figurativi, possono inoltrare telematicamente la segnalazione contributiva”. Ma chi sono i fortunati lavoratori che avranno diritto al rimborso da parte dell’Inps?

Le categorie identificate dall’Inps per il rimborso

Foto Markus Spiske Unsplash

L’utilità del rimborso Inps è a fini pensionistici. Si tratta della rivalutazione del sussidio LPU e anche il riconoscimento della contribuzione figurativa in favore dei lavoratori di pubblica utilità di cui al D.lgs n. 280/1997. Sono i lavoratori di pubblica utilità, che negli scorsi 12 mesi sono stati impiegati con questo obiettivo.

I lavori di pubblica utilità possono consistere nella prestazione di opera materiale o intellettuale, quali, ad esempio, i servizi di manutenzione del verde, o di assistenza alla persona, o di collaborazione alle attività degli enti.

Leggi anche: Ita, in arrivo migliaia di assunzioni e aumenti di stipendio

Ma il rimborso non avverrà per tutti in automatico, alcuni lavoratori lo dovranno richiedere esplicitamente. La raccomandata deve essere indirizzata alla Struttura territoriale competente.

Leggi anche: Casalinghe, come ottenere 500 euro dall’Inps

La richiesta deve essere inviata tramite raccomandata con avviso di ricevimento o tramite PEC. Inoltre, la raccomanda deve essere indirizzata alla Struttura territoriale competente. I lavoratori di pubblica utilità hanno ricevuto questo adeguamento che in precedenza, tradotto da lire ad euro, era inferiore. Coloro che inoltreranno la richiesta telematicamente avranno più rapidità burocratica nella risposta.