Aumento pensioni, a quanto arriverà un assegno da 1.500€?

Ecco quanti soldi in più riceverà dal 2022 una pensione di 1.500 o 2.000 euro mensile. Pubblicato il decreto del Mef

(Getty)

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Mef, Ministero dell’economia e finanze, che ufficializza gli aumenti delle pensioni a partire dal 2022. Nel 2022 saranno rivalutate le pensioni per dare risposta alla forte inflazione. L’aumento dei prezzi negli ultimi mesi è stato notevole. I costi dell’energia sono aumentati insieme ad altre materie prime. Ciò ha comportato l’aumento in generale dei prezzi. Si tratta in sostanza degli adeguamenti al costo della vita e all’inflazione, che tecnicamente si chiama perequazione.

Pensioni tra 1500 e 2000 euro al mese, gli aumenti

(Pixabay)

Nello specifico l’articolo 2 del decreto del Mef che ha ufficializzato gli aumenti delle pensioni dice: “la percentuale di variazione per il calcolo della perequazione delle pensioni per l’anno 2021 è determinato in misura pari a +1,7% dal 1° gennaio 2022. Salvo conguaglio, da effettuarsi in sede di perequazione per l’anno successivo”. Andando a fare un po’ di calcoli, i maggiori benefici andranno alle pensioni medie, quelle di 2000 euro al mese lorde circa. Proiezioniborsa ha effettuato un calcolo.

Leggi anche: Reddito di libertà da 400€ al mese: come fare domanda

Per una pensione lorda mensile al 31 dicembre 2021 di 1.500 euro, la rivalutazione sarà pari a 25,50 euro al mese. Il calcolo viene fuori dalla seguente operazione: euro 1.500 X 0,017 = euro 25,50 lordi al mese in aumento rispetto all’assegno al 31 dicembre 2021. Per quanto riguarda le pensioni da 2000 euro lorde al mese, la rivalutazione sarà di 34,00 euro lorde mensili. L’operazione calcolata è la seguente: euro 2.000 X 0,017 = euro 34,00 lordi al mese in aumento per effetto della perequazione, o semplicemente rivalutazione.

Leggi anche: Tredicesima: ecco cosa fare se non viene pagata

L’aumento così pervenuto deriva dalla norma che prevede le percentuali di perequazione in base al valore della pensione. La norma in vigore prevede l’aumento del 100% rispetto all’inflazione per le pensioni fino a quattro volte il minimo (circa 600 euro mensili). Poi si applicano aliquote al 90% agli assegni che sono fra quattro e cinque volte il minimo di pensione, al 75% per tutte le pensioni più alte.