Osservatorio Diritti racconta come si sono arricchite le multinazionali ai tempi del Covid: il caso Amazon

Le multinazionali si contendono da sempre la nostra attenzione di consumatori per toccarci il cuore e il portafogli, ma con la pandemia alcuni colossi come Amazon si sono trasformati anche in eroi

Foto Anirudh Unsplash

Un focus redatto da Centro Nuovo Modello di Sviluppo si è concentrato, tra gli altri, su Amazon con il suo report riguardo la Top 200 delle multinazionali nel mondo.

Lo apprendiamo da un comunicato stampa di Osservatorio Diritti datato il 17 novembre 2021.

Ciò che salta subito agli occhi dal report è come durante la pandemia Amazon, ma anche società mediche come Pfizer e Moderna, abbiano visto il proprio peso aumentare a livello esponenziale. E se i due colossi farmaceutici si sono arricchiti con le sovvenzioni statali per la ricerca e poi con i profitti derivati dalla vendita del vaccino, la crescita esponenziale del colosso del commercio digitale ha capitalizzato proprio le paure e le incertezze dei cittadini.

Chi infatti non si è ritrovato a fare anche solo un giro su Amazon per passare il tempo quando non si poteva mettere il naso fuori di casa? Quanti di noi hanno fatto acquisti? Quanti magari hanno attivato l’abbonamento al servizio di streaming di Amazon?

E adesso nella percezione di moltissimi, sia Amazon sia Moderna sia Pfizer vengono percepiti come società “buone” anche se, soprattutto nel caso della società fondata da Jeff Bezos, a parte qualche scintillante ma decisamente vuota parola sbandierata come principio, si sa pochissimo a livello di struttura aziendale.

Se fosse il personaggio di un racconto, probabilmente Amazon sarebbe Mangiafuoco: all’apparenza semplice proprietario di un circo di marionette, in realtà un vero e proprio mostro che campa sfruttando il prossimo. Qualcuno potrebbe obiettare che si tratta comunque di società che non fanno beneficenza e che devono guadagnare, e su questo siamo tutti d’accordo: chi lavora deve guadagnare dal proprio lavoro.

Ma quello che emerge dal focus di Centro Nuovo Modello di Sviluppo è che di Amazon a livello strutturale non sappiamo praticamente nulla. Le strutture di comando, per esempio Amazon.com Inc oppure Amazon Europe Core, si trovano in veri e propri paradisi fiscali che permettono di pagare tasse risibili su guadagni equivalenti al prodotto interno lordo di più di qualche Paese del globo.

A riguardo, vogliamo raccontarvi di quella volta che la Commissione Europea provò a fare ricorso alla Corte Europea per far sì che il Lussemburgo, dove si trova Amazon EU controllata da Amazon Europe Core, smettesse di applicare un regime fiscale estremamente vantaggioso.

Dalla Corte Europea però è arrivata una sentenza che chiarisce come finché non troveremo il sistema di eliminare alla radice la presenza dei paradisi fiscali, chi è in grado di mettere in piedi strutture fumose come sono in realtà quelle di Amazon e altre società, non ci sarà equità.

Ma oltre a quello che è possibile ricostruire a livello di struttura economica, Amazon, e insieme a lei altre multinazionali, cerca il profitto anche attraverso campagne di marketing e pubblicazione di codici etici profondi come pozzanghere. Da un’analisi condotta dalla società di consulenza alle imprese Amo, infatti, è uscito fuori che le parole più utilizzate sono: audacia, coraggio, resilienza, tenacia, cura, compassione, pazienza, entusiasmo, bellezza, efficienza.

Leggi anche: Legambiente ha promosso un’iniziativa per ripulire la costa di Mola

Leggi anche: U.Di.Con. ha aperto gli sportelli anti bullismo e cyberbullismo

E come dovremmo calcolare il livello di coraggio o di bellezza o di pazienza di una multinazionale? Su una scala da 1 a 10 come valutare la tenacia di un colosso dell’elettronica o del commercio? In base a quale scala di valori possiamo decidere se una società multinazionale è più o meno compassionevole?

Non possiamo.

O meglio, non possiamo dare un valore oggettivo a questi termini così pieni di significato ma altrettanto labili quando si tratta di definizione oggettive.

Di nuovo, siamo di fronte a società che capitalizzano sui sentimenti andando a toccare quando serve quelli negativi per poter creare panico e convogliare clienti, e quando invece fa più comodo dipingersi come cavalieri senza macchia e senza paura, ma di nuovo con un solo scopo: farvi fare click sul carrello.