Bonus Inps da 400€ con la Legge 104: chi può richiederlo

Con la legge 104 si può avere accesso ad agevolazioni sulle spese di assistenza fino a 2.100 euro. Chi sono i beneficiari

disabilità turismo
(pixabay)

La legge 104/92 ha concesso ai soggetti con disabilità ed a coloro che si occupano di loro, delle agevolazioni sul lavoro. Un tempo si chiamavano accompagnatori, ora è entrato in uso il termine caregiver per identificare le persone che si occupano del disabile.

Quindi anche i caregiver possono usufruire delle facilitazioni della 104, come ad esempio i permessi retribuiti dal lavoro e tutta un’altra serie di condizioni contrattuali che permettano al soggetto di occuparsi del disabile a carico.

Infatti una delle condizioni essenziali per ottenere la 104 è che il disabile sia familiare stretto o convivente del caregiver. Inoltre, per le famiglie che oltre ad avere un disabile in famiglia navigano anche in condizioni di difficoltà economica, l’Inps mette a disposizione un programma di aiuti economici.

Un disabile grave necessita di cure costose e di terapie specifiche, per le quali nella maggior parte dei casi si deve assumere privatamente un professionista.

Il settore pubblico della sanità, infatti, copre poche ore settimanali di assistenza, nella maggior parte dei casi insufficiente.

Legge 104, si può ottenere agevolazione aggiuntiva per le spese

pixabay

Lo Stato contempla, oltre ai permessi e le facilitazioni sul lavoro, un rimborso sotto forma di detrazione fiscale per i soggetti che sostengono le spese per il familiare disabile grave. Le condizioni sono che il reddito non superi i 40.000 euro annui (nel calcolo sono compresi i redditi da fabbricati), e che il disabile non sia autosufficiente.

Leggi anche: Pensione di cittadinanza, è prevista la tredicesima?

Per questo è richiesto un certificato del medico curante di non autosufficienza, e che il disabile non sia in grado di compiere le attività di vita quotidiana.

Leggi anche: Allarme Federconsumatori: la tredicesima arriverà, ma…

Se le condizioni sono soddisfatte, il caregiver può accedere ad un rimborso del 19% sotto forma di detrazione fiscale, per una spesa massima di 2.100 euro. Quindi in totale 400 euro. È importante che le fatture siano intestate al richiedente l’agevolazione.