Gratta e Vinci, l’errore che commettono in molti senza saperlo 

Gratta e Vinci, se non siete giocatori navigati avete di certo commesso anche voi quest’errore. Ecco di cosa si tratta… 

Gratta e Vinci
Gratta e Vinci

Chiunque abbia mai giocato al Gratta e Vinci qualche volta in più, a meno che non sia davvero sfortunato, ha provato almeno una volta l’ebrezza di una vincita magari attraverso una cifra minima equivalente al prezzo del biglietto acquistato. Soldi che molto spesso finiscono per finanziare un nuovo tagliando piuttosto che rimborsare quello di partenza, così da concedersi una nuova chance per incrociare la dea bendata.

Ma c’è un errore comune per quanto riguarda le vincite quotidiane, ovvero quelle relative a importi minuscoli o comunque contenuti. Ossia: non bisogna necessariamente recarsi nello stesso posto in cui è stato acquistato il biglietto. Viene da istinto a ritornare al punto di partenza e a credere che solo lì si possa ritirare il premio emerso, ma in realtà non è così.

Del resto cosa accadrebbe se pescassimo il biglietto giusto su un autogrill nel bel pezzo di un viaggio nazionale? Non dovremmo di certo ritornare lì e rifare chilometri e chilometri, soprattutto per pochi euro.

Gratta e Vinci, chiarezza sulle vincite 

Gratta e Vinci
Gratta e Vinci

La verità è che un biglietto vincente è riscuotibile in qualsiasi punto vendita autorizzato. Se acquistate quindi un Gratta e Vinci a Roma, potete serenamente riscuotere un premio eventuale a Napoli. L’importante, ovviamente, è non superare la data di scadenza equivalente a 45 giorni dall’acquisto. Per il resto basterà presentare il biglietto in un qualsiasi punto vendita per ottenere il bottino che va fino a un massimo di 500 euro.

Leggi anche: Colpo Gratta e Vinci, sbanca tutto grazie a un… calciatore!

Leggi anche: Arriva il cashback acquisti on line: fino a 500€ di rimborso

Oltre questa cifra, fino ai 10.000 euro, sarà invece necessario ottenere un assegno circolare con la documentazione preparata sempre dalla ricevitoria di turno. Dai 10.000 euro in poi bisognerà recarsi direttamente presso uno sportello di una banca Intesa San Paolo o presso l’Ufficio Premi di Lotterie Nazionali s.r.l. per intascare il bottino che giungerà come bonifico sul proprio conto corrente.