I 6 trucchi di Google Maps che non conoscevate

Google Maps è un ottimo sistema per non perdersi ma non tutti forse sanno che al suo interno ci sono almeno 6 trucchi da sfruttare

Foto Cardmaps Unsplash

Con Google Maps è possibile fare parecchie cose, ecco allora i trucchetti per utilizzare al meglio questo navigatore satellitare che tutti abbiamo in palmo di mano.

Gli aggiornamenti costanti dell’app che Google dedica alla viabilità rendono Maps un servizio utile in diverse occasioni. Abbiamo non molto tempo fa per esempio parlato del fatto che è possibile utilizzarlo per calcolare le distanze dai distributori di benzina e addirittura, con una funzione che si sta espandendo, trovare quelli con il prezzo più basso.

Ma le funzioni di Google Maps, o la loro eliminazione temporanea, sono molto spesso ignorate dalla maggior parte dei consumatori. Ecco allora sei funzioni che dovete assolutamente conoscere per utilizzare questa app nel migliore dei modi, pensando anche alla vostra privacy.

Google Maps, i 6 trucchi da sapere

Foto Henry Perks Unsplash

Il primo dei trucchi che vi proponiamo è utilizzare Google Maps come una sorta di estensione del motore di ricerca di Google pensato però per darvi informazioni su una quantità immensa di luoghi e punti di interesse. Vi basta aprire Google Maps infatti e toccare la barra di ricerca per poter iniziare a visitare, magari anche solo virtualmente, luoghi molto conosciuti in tutto il mondo.

Volete per esempio vedere com’è all’esterno della Pinacoteca di Brera? Chiedetelo a Google Maps. Volete avere una immagine dello skyline di New York? Chiedetelo a Google Maps. Oltre a darvi la posizione geografica del luogo che avete chiesto, Google Maps vi offre anche tutta una serie di servizi accessori e vi mette nelle condizioni di acquistare eventualmente il biglietto per entrare nel luogo che avete cercato o vi dà le indicazioni stradali per raggiungerlo rispetto al punto in cui vi trovate.

Una funzione compagna di questo tipo di ricerche che si fanno con Google Maps è sicuramente Street View che può essere utilizzato in due modi: vedere i luoghi di interesse e sognare di poterli visitare dal vivo oppure capire perfettamente dove si trova l’indirizzo che dovete raggiungere avendo anche il riferimento visivo di cosa troverete arrivati magari al civico in cui vi aspettano.

Leggi anche: Pensioni, dall’INPS fino a 1.270 euro di arretrati: a chi spettano

E sempre parlando di indirizzi c’è anche la possibilità di condividere la propria posizione in tempo reale, una funzione che è possibile attivare anche da WhatsApp. In questo modo potete far sapere a chi vi aspetta dove vi trovate. Se invece non volete che vi scoprano potete disabilitare la registrazione degli spostamenti.

Google Maps registra ogni spostamento e ogni luogo che avete visitato anche se non avete utilizzato Maps per raggiungerlo. Questa funzione può tornare utile se non vi ricordate l’indirizzo di qualcosa che avete visto o il luogo in cui siete stati ma, allo stesso tempo, può sembrare un’invasione della privacy ma vi basta andare sul vostro profilo per poter disabilitare la funzione e “navigare in incognito” .

Leggi anche: Bancomat, non prelevare se noti il dettaglio sulla tastiera

Parlando sempre di spostamento un altro dei trucchi da sapere assolutamente è la possibilità di personalizzare i mezzi di trasporto nel momento in cui si chiede a Google Maps di crearci un itinerario: si può scegliere non soltanto l’automobile o andare a piedi ma anche i mezzi pubblici.