Bolletta acqua, a quanto corrisponde il bonus sociale idrico

Il costo dell’acqua varia da zona a zona del paese, ma anche per la bolletta idrica si possono richiedere degli sconti e bonus

Foto Shridhar Vashistha Unsplash

La bolletta dell’acqua generalmente finisce nell’importo del condominio, ed è difficile rilevare quanto realmente si consumi e quanto si paga annualmente per l’acqua. A maggior ragione perché i costi della fornitura idrica sono variabili da zona a zona dell’Italia, dipendentemente dagli acquedotti.

Ma tutti noi abbiamo esperienze dell’omino che una volta l’anno viene a controllare il contatore dell’acqua, anche se non sappiamo il costo a quanto corrisponde.

Lo stato, dal 2016, ha introdotto la possibilità per le famiglie in disagio economico di avere una fornitura gratuita di 18,25 metri cubi di acqua su base annua, vale a dire 50 litri per abitante al giorno per ogni componente della famiglia anagrafica.

Ma questo sconto non è per tutti, solo per coloro che versano in condizioni economiche disagevoli. L’indicatore della situazione economica è l’Isee.

A quanto corrisponde lo sconto sulla bolletta dell’acqua e chi ne beneficia

acqua dispenser
(pixabay)

Dal 2021, per acquisire lo sconto sulla bolletta idrica, come per tutti gli altri bonus, non serve più andare al Caf, basta compilare annualmente la DSU, la Dichiarazione sostitutiva Unica, dove si trovano gli indicatori di reddito del nucleo familiare.

A quel punto l’Inps verifica la corrispondenza con i requisiti del bonus sociale idrico ed applica lo sconto automaticamente.

L’intestatario della fornitura idrica deve possedere almeno uno di questi requisiti:

  • Isee del nucleo familiare non superiore a 8.265 euro;
  • appartenere ad un nucleo familiare con almeno quattro figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore Isee non superiore a 20.000 euro;
  • nucleo familiare titolare di reddito o pensione di cittadinanza.

Leggi anche: Taglio tasse, stanziati 8 miliardi: le ipotesi in campo

Come già accennato, la tariffa dell’acqua, e quindi anche il valore dei 50 litri quotidiani gratuiti per abitante che corrispondono allo sconto, variano di zona in zona.

Leggi anche: Pensioni, c’è una categoria a serio rischio: cosa succede

Per individuare il valore dello sconto applicato in bolletta, bisognerà moltiplicare 18,25 metri cubi per il numero di componenti della famiglia anagrafica e per la somma delle seguenti tariffe:

  • tariffa agevolata determinata per la quota variabile del corrispettivo di acquedotto;
  • tariffa di fognatura individuata per la quota variabile del corrispettivo di fognatura;
  • tariffa di depurazione individuata per la quota variabile del corrispettivo di depurazione.