Libretti postali, la cifra che fa scattare i controlli

Non esiste alcun limite imposto dalla legge ma esiste una soglia oltre la quale si allarga la lente del fisco

Reddito di cittadinanza
Pixabay

Il fisco è sempre in allerta a caccia di soldi non dichiarati. Negli ultimi anni i controlli si sono fatti serrati e più efficaci grazie anche all’apporto delle nuove tecnologie. Per questo motivo, quando si movimentano soldi sui conti, o nei prelievi al bancomat o su libretti postali, bisogna fare molta attenzione perchè alcuni movimenti possono allertare coloro che si occupano di controlli.

In alcuni casi esistono delle limitazioni imposte dalle banche per i prelievi giornalieri massimi di danaro contante. Per i libretti postali, invece, non esistono limiti legali. E’ possibile in pratica prelevare presso lo sportello postale danaro in contante senza limiti. Tuttavia, il riferimento che fa scattare i controlli esiste ed è quello di un prelievo di 1000 euro, oppure di 5000 euro mensili.

Libretti postali, la soglia limite

Libretti risparmio
Pixabay

E’ opportuni, in tal senso, anche se la legge non pone limiti, cercare di evitare di superare queste soglie anche dal libretto di risparmio. I controlli del fisco si faranno più serrati man mano che la pubblica amministrazione procede con l’implementazione delle tecnologie digitali. La digitalizzazione è uno degli grandi obiettivi da realizzare con il Pnrr, il piano nazionale di ripresa e resilienza previsto grazie ai fondi europei per metà a fondo perduto.

Leggi anche: Circolare Inps: pensioni sospese per queste persone

L’informatizzazione permette maggiore trasparenza e facilità nella verifica di dati e operazioni. Il tutto facilita il controllo e rende sempre più difficile il lavoro di coloro che cercano di nascondere guadagni allo Stato. L’obiettivo a lungo termine è quello di rendere al minimo i soldi non dichiarati.

Leggi anche: Getti lo scontrino accanto al bancomat? Rischi grosso senza saperlo

La lotta all’evasione dovrà camminare di pari passo con il graduale abbassamento delle tasse. L’emersione di ricchezza è importante ai fini dei parametri decisivi per impostare una legge di bilancio. Non dichiarare soldi guadagnati significa sottrarli al conteggio del Pil, parametro fondamentale per le azioni economiche del paese.