Circolare Inps: pensioni sospese per queste persone

L’Inps è in fase di controllo per alcuni beneficiari di pensione. Se non verrà inviata la documentazione richiesta sarà sospesa

(Pixabay)

La pensione può essere percepita da molte categorie di persone. Oltre a quella di anzianità, esiste la possibilità per alcune categorie di ricevere un assegno previdenziale prima dei 67 anni di età. Ad esempio per i mutilati di guerra, per la reversibilità o per invalidità.

In quest’ultimo caso la pensione, ed il suo importo, sono strettamente legati al reddito del soggetto. L’Inps, in un comunicato stampa del 20 ottobre comunica che tutti coloro che non hanno dichiarato il reddito Isee saranno sospesi dalla pensione d’invalidità.

Dalla sospensione il soggetto ha 120 giorni di tempo per colmare il vuoto di informazioni sul reddito. Se l’ente non riceverà nulla entro quella scadenza, si darà il via alla revoca della pensione e recupero degli anni precedenti di erogazione indebita.

Per inviare la documentazione richiesta dall’Inps si deve entrare sul portale dell’ente con una delle chiavi digitali Spid, Cie o Cns, e da lì accedere alla pagina personale. Le credenziali Inps non sono più valide dal primo ottobre.

Come funziona la sospensione della pensione

pensione
(pixabay)

Per essere più chiari, riportiamo degli estratti del comunicato Inps.

L’ente annuncia che a breve coloro che ad oggi non hanno comunicato i redditi stanno ricevendo dall’INPS una raccomandata, con cui viene comunicata la sospensione temporanea delle prestazioni di invalidità civile in godimento”.

Leggi anche: Busta paga, pronto l’aumento di 167€: ecco per chi

L’Inps specifica a quali redditi fa riferimento:Una volta sospesa la prestazione, gli interessati avranno ulteriori 120 giorni di tempo per comunicare i redditi mancanti relativi agli anni dal 2017 al 2021. Dopo i 120 giorni la prestazione sarà definitivamente revocata e saranno
recuperate le erogazioni non dovute”
.

Leggi anche: Rischio tumore dietro questi sintomi sottovalutati: attenzione 

Chi non ha ancora comunicato i redditi è bene che si sbrighi a farlo. Nel caso ci sia poca dimestichezza informatica ci si può rivolgere ad un patronato.