Bancomat, se fai quest’errore lo sportello ‘ingoia’ la carta

Bancomat, ti è mai capitato un problema del genere? Attenzione a questo errore banale che può rovinarti la giornata 

bancomat
pixabay

Nell’era della digitalizzazione, sono molte le credenziali da ricordare a memoria. C’è chi si affida ai pezzi di carta, come le vecchie rubriche telefoniche, chi li registra sul computer o sul telefono, e chi crede di poter ricordare tutto a memoria scegliendo dei pin simili o uguali fra di loro.

Nell’ultimo caso non è un’operazione consigliabile, è più facile per i truffatori identificare codici che si riferiscono a date di nascita o simili. Nel caso del bancomat, solo pochi istituti danno la possibilità di modificare il pin a 5 cifre e sceglierne uno proprio. Nella maggior parte dei casi i numeri vanno ricordati a memoria.

A maggior ragione nel post-Covid, dove il governo ha introdotto tutta una serie di agevolazioni cashless, per cui la moneta elettronica ha subito un grande passo in avanti. Se ci si trova di fronte ad una spesa presso un esercente, non è infrequente che al momento del pagamento ci assalga un vuoto di memoria sul pin. Attenzione, esiste un numero limitato di tentativi, generalmente 3; dopodiché la carta di debito verrà disattivata.

Stessa sorte per il ritiro contanti all’ATM; dopo 3 tentativi la macchina ritira direttamente la carta. Questa dimenticanza è ancora più probabile da quando è stato introdotto il contact: con i pagamenti agli esercenti tramite bancomat entro i 25 euro non c’è necessità di digitare il pin. Molti istituti hanno alzato il tetto a 50 euro. Allora il pin non è più così immediato da ricordare, capita solo per le grosse spese di doverlo utilizzare.

Cosa fare se il Bancomat viene bloccato dal pin errato

Bancomat
(Getty Images)

Nel caso in cui la carta venga bloccata in un negozio, o ritirata all’ATM senza dubbio c’è un momento di panico.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, si pensa alla revoca. Ecco chi rischia davvero

Ma ci sono modi per sbloccarla velocemente. Alcuni istituti di credito hanno un numero verde apposito.

Leggi anche: Naspi, in questo caso scatta la sospensione: i dettagli

Nella maggior parte dei casi è necessario recarsi direttamente alla propria banca per riottenere il Bancomat. Ovviamente sarà necessaria la verifica dell’identità corrispondente alla carta disattivata.