Pin bancomat, provate questa cosa allo sportello: non ci crederete

La redazione di investireoggi.it ha scoperto che il quinto numero del pin bancomat è superfluo, come si spiega?

Carte di credito e bancomat troppo costosi, l'allarme Consumerismo No profit
Pixabay

Il pin del bancomat è una serie di 5 numeri che la banca conferisce al cliente insieme alla carta di debito. Il pin è un codice da ricordare a memoria, perché non è sicuro mettersi davanti ad uno sportello ATM con pezzi di carta o simili. Ma in Italia, a differenza delle carte internazionali e delle carte di credito il pin è di 5 numeri; all’estero è di 4.

A cosa serve il quinto numero? La redazione di investireoggi.it ha fatto delle prove in vari ATM, inserendo le prime 4 cifre corrette e l’ultima sbagliata. Il fatto singolare è che la transazione è andata in porto.

Per fare un esempio: se il mio pin è 11111 e digito 11112, l’ATM dà lo stesso i soldi richiesti o il saldo del conto. Come è possibile?

A cosa serve il quinto numero del pin?

conto corrente
Bancomat (Getty Images)

Se davvero le prime quattro cifre bastano per identificare il bancomat con il conto corrente, a cosa serve la quinta? Attenzione: chi volesse spiritosamente fare la prova, non può fermarsi alla quarta cifra, deve comunque inserirne una quinta a piacere, anche se errata.

Leggi anche: Truffa bancomat: attenti al prelievo. Ecco cosa sta accadendo

La redazione che ha scoperto il mistero del quinto numero del pin ha fatto le prove su diversi ATM e con diverse carte. Il risultato è stato che il quinto numero è inutile, tranne che usando il bancomat IWBank presso gli ATM della Ubi Banca, in quel caso l’operazione ha dato problemi. La stessa carta, però, usata presso un ATM Unicredit, richiedeva 4 cifre da digitare, e non 5.

Leggi anche: Attenti a questa moneta da 2€: se vi capita, potete venderla 

Quindi il mistero della quinta cifra rimane parzialmente irrisolto. La soluzione più probabile è che solo in Italia si utilizzino 5 numeri, quindi gli ATM, per equipararsi ai circuiti internazionali, ne riconoscono solo 4.

L’esperimento è stato fatto solo con gli ATM, non con il pagamento con il Pos.