Pensione, come andarci subito nel 2022: i dettagli

In attesa di capire con quali modalità si andrà in pensione per il dopo Quota 100 è vicino il termine per accedere all’assegno nel 2022

pensione
(pixabay)

Il Governo prosegue il confronti tra le parti politiche per decidere di cosa ne sarà dei futuri pensionato dopo Quota 100. Il provvedimento varato dal Governo giallo-verde nel 2018 con valenza triennale non sarà confermato. Quota 100 prevede la possibilità di andare in pensione prima dei criteri fissati dalla legge Fornero. Bastano 62 anni di età se ci sono 38 anni di contributi versati. A queste condizioni in tre anni si sono verificati molti pensionamenti. Tuttavia, il confronto tra costi e benefici non ha prodotto un ritorno per le casse statali. Basta pensare che nel 2021 si è raggiunto il record per il quale i pensionati del settore pubblico sono di numero maggiore rispetto ai dipendenti statali in attività. Il Governo ha così deciso di non rinnovare Quota 100. In realtà è stato proposto di confermare il provvedimento soltanto per le categorie lavorative usuranti, quelle per le quali i dati Istat confermano una minore aspettativa di vita.

Pensioni, la scadenza per il 2022

prestito
(pixabay)

Intanto, va detto che è ancora possibile aderire a Quota 100 la cui durata scade il 31 dicembre. In realtà, la data ultima per presentare la domanda e aderire è molto più vicina. Esistono, infatti, delle finestre temporali durante l’anno in cui è possibile presentare la domanda di pensione.

Leggi anche: Tredicesima, attenzione: in questi casi si perde il bottino natalizio

Per quanto riguarda questi ultimi mesi del 2021, il termine è il 31 ottobre. Coloro che vorranno, quindi, andare in pensione nel 2022 dovranno presentare la domanda entro questa data. L’opportunità è valida anche per coloro i quali hanno raggiunto il limite contributivo ma non ancora quello anagrafico.

Leggi anche: Oroscopo: tanti soldi a novembre per questi segni zodiacali

Per fare domanda è necessario innanzitutto presentare istanza di cessazione dell’attività lavorativa. Successivamente potranno presentare domanda all’Inps attraverso Spid, Cie, Cns, il Contact Center oppure un Patronato. Entro aprile 2022 l’ente provvederà ad accertare il diritto alla pensione.