Modello F24, cosa succede se addebitato ad altro contribuente

Il modello di pagamento dei tributi e dei contributi F24, strumento utilizzato per i pagamenti, offre un’opportunità

Contributo fondo perduto
(Pixabay)

Il Modello F24 è lo strumento di pagamento dei tributi e dei contributi. Attraverso il modello è possibile pagare l’Irpef, l’Imu, l’Iva nonchè i contributi previdenziali all’Inps e altre casse di previdenza professionali. Il modello è scaricabile dal sito dell‘Agenzia delle Entrate dove si trovano anche le istruzioni di compilazione. Tuttavia, quando si tratta di pagare tributi speso ci si affida a dei professionisti oppure ad un Caf che, a loro volta, quando ci indicano tributi da pagare ci rilasciano già compilati i modelli F24. Da qualche anno è stata anche semplificata la procedura. Infatti, fino a qualche tempo fa era necessario compilarne tre copie per ogni singolo modello presentato per il pagamento. Oggi, invece, basta compilare una sola copia che sarà restituita con l’apposito stampo che indica gli estremi del pagamento effettuato.

Modello F24 e pagamenti

pixabay

Il modello F24 offre anche un’altra opportunità. Il pagamento, infatti, può avvenire anche attraverso il conto corrente. Tuttavia, il conto non deve necessariamente corrispondere al titolare del pagamento che rimane tale. Se ad esempio, si effettua un pagamento che fa riferimento ad un F24 intestato ad una persona, il conto corrispondente può anche essere intestato ad altro contribuente.

Leggi anche: Cartelle esattoriali, verso un nuovo rateizzo: i dettagli

Ai fini del pagamento, infatti, ha valenza sempre il nominativo dell’intestatario del modello F24 indicato nella sezione alta del suddetto. Se si effettua un pagamento di un F24 attraverso il conto corrente di un familiare, ad esempio, esso andrà a buon fine e non ci saranno ripercussioni negative.

Leggi anche: Pratiche sleali nell’agroalimentare, l’Ue avvia una procedura d’infrazione contro l’Italia

Il pagamento risulterà effettuato da parte dell’intestatario del modello. Gli F24, infatti, possono essere pagati anche per conto di altre persone diverse dall’intestatario del conto corrente bancario o postale.