Conto Corrente cointestato: mai commettere questo errore

Il conto corrente cointestato è la soluzione scelta da molte famiglie per gestire i loro risparmi. Attenzione a non commettere questo errore, potrebbe essere molto pericoloso per i vostro soldi.

Conto corrente
Pixabay

Il conto corrente è ormai diventato uno strumento entrato nella quotidianità di tutti noi. Tutti siamo ormai abituati da tempo ad utilizzare questa piattaforma per svolgere una serie di operazioni quotidiane. Non solo pagamenti delle utenze ma anche per fare acquisti e svolgere una lunga serie di operazioni. In tal senso utilizzare strumenti quali il conto può risultare estremamente importante. Ogni giorno sono milioni le transazioni che vengono svolte attraverso questo mezzo.

Tra le varie opportunità c’è anche quella del conto corrente cointestato ma in questa circostanza c’è bisogno di fare attenzione. C’è un errore da non commettere perchè altrimenti il rischio di perdere soldi diventa concreto. Andiamo a scoprire di quale sbaglio si tratta e soprattutto come evitarlo.

Conto corrente cointestato: non commettere questo errore

Conto corrente
Pixabay

Bisogna fare attenzione a come si gestisce il conto corrente cointestato. La Corte di Cassazione, con la sentenza numero 25684 del 22 settembre 2021 che, come riportato da ilgiornale.it, fa riferimento a una coppia di coniugi, i quali si sono trovati in disaccordo sulla gestione del conto cointestato.

Leggi anche: Ritrova un buono fruttifero del 1965 e diventa ricca

Leggi anche: Pensioni, aumenti fino a 300€ a gennaio: tutti i dettagli

Il marito in buona sostanza aveva effettuato un prelievo senza informare la moglie. Quest’ultima a sua volta aveva provveduto a versare il denaro guadagnato da lei stessa. Da questo ne è nato un diverbio perchè la donna si è sentita derubata. Per lui si sarebbe trattato di una donazione ma visto che non è stato così. L’uomo, quindi, è debitore nei confronti degli altri titolari del conto corrente e dell’Agenzia delle entrate visto che il fisco può tassare il contribuente per proventi derivanti da attività illecita.