Bonus assunzione under 36: come fare richiesta e regole Inps

L’Inps ha fornito in queste ore le istruzioni da seguire per richiedere il cosiddetto Bonus assunzione giovani. Ecco in cosa consiste

bonus assunzione
Pixabay

L’Inps ha fornito nelle scorse ore tutte le istruzioni in merito al Bonus assunzione giovani, il provvedimento inserito nella Legge di Bilancio 2021 che favorisce l’assunzione di giovani lavoratori con meno di 36 anni. Allo stesso tempo la normativa permette di aumentare l’esonero contributivo dal 50% al 100% dei contributi Inps a carico dell’azienda. Una novità importante che si inserisce nel tentativo di dare slancio al settore lavoro.

Che nel nostro paese ha vissuto momenti a dir poco critici soprattutto con il sopraggiungere dell’emergenza Coronavirus. Che è stata devastante per tantissime categorie. Adesso il governo sembra voler proseguire sulla strada degli aiuti da un lato e del sostegno del settore lavoro dall’altro. Vediamo nel dettaglio a chi spetta questo bonus.

Innanzitutto c’è da dire che la misura può considerarsi valida solo per le nuove assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato dal 2021. Ma il range si restringe solo per i lavoratori al di sotto dei 36 anni.

Bonus assunzione: ecco a chi spetta e come funziona

(pixabay)

Il bonus assunzione under 36 spetta come detto solo ai lavoratori che non abbiano già firmato un contratto a tempo indeterminato. E che si trovino al di sotto della soglia dei 36 anni. Rimangono escluse dal bonus anche i contratti di lavoro domestico e quelli di lavoro a chiamata o intermittenza. Ma anche i contratti di apprendistato e quelli di lavoro a tempo indeterminato di personale con qualifica dirigenziale oltre alle prestazioni occasionali.

Il periodo di esonero è riconosciuto per la durata di 36 mesi prolungabili fino a 48 mesi se l’azienda che assume si trova in Sicilia Campania Calabria Sardegna Puglia Abruzzo Molise o Basilicata. Il chiaro obiettivo è quello di favorire le realtà del Sud con una proroga rispetto alle altre regioni. La richiesta non può superare u limite di massimo 6mila euro.

Leggi anche: Postepay, come fare pagamenti senza andare in tabaccheria

Leggi anche: Voli all’estero, stangata in arrivo: ecco i nuovi prezzi

Per le aziende i prerequisiti da rispettare per beneficiare dell’agevolazione sono: rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali, regionali o aziendali, essere in regola con gli obblighi della contrattazione collettiva e non aver violato le norme a tutela delle condizioni di lavoro.