Corea del Nord, nuovo test missilistico condotto dal governo

La principale agenzia di stampa della Corea del Nord ha dichiarato che nella giornata di ieri, si è svolto un nuovo test missilistico, su un modello messo a punto pochi mesi fa e che non può essere intercettato dai radar occidentali. Il sottosegretario di stato Usa aveva già parlato alcuni giorni di questa possibilità, invitando la comunità internazionale e tenere d’occhio l’operato del leader Kim Jong-Un

Getty Images

L’agenzia di stampa della nazione, ha annunciato che nella data del 30 Settembre, la Corea del Nord ha testato un nuovo missile antiaereo sviluppato negli scorsi mesi. Si tratta di un missile ipersonico planante, in grado di superare di cinque volte la velocità del suono  che oltretutto, non può essere intercettati dai moderni sistemi anti missili occidentali.

Una notizia che in poco tempo ha fatto il giro del mondo e pone adesso nuovi interrogativi sul ruolo militare che la nazione guidata da Kim Jong-Un vuole assumere nei prossimi anni. Questo test condotto dalla Corea del Nord, arrivava oltretutto a distanza di pochi giorni dalle dichiarazioni del segretario di stato americano Antony Blinken, che aveva affermato come ormai da tempo, il governo di Pyongyang sia impegnato in una serie di test militari: “Siamo preoccupati per queste ripetute violazioni delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza che creano maggiori prospettive di instabilità e insicurezza”. Blinken ha in seguito aggiunto che attualmente, l’America non è in grado di confermare se questo test si sia svolto realmente. 

Leggi anche: In Inghilterra il 70 per cento del cibo confezionato non rispetta i requisiti di salubrità

Leggi anche: In Italia arriva la nuova Ineos Grenadier: ecco da quando sarà in vendita

I media nord-coreani hanno invece raccontato in queste settimane, del fallimento nel dialogo con gli Stati Uniti che si sono ancora una volta dimostrati secondo la stampa nord-coreana, infimi e spietati proponendo quello che è stato considerato come un finto accordo. Viene anche riportata una dichiarazione di Kim Jong-Un che ha definito “trucco meschino” l’offerta di dialogo pervenuta dagli Usa.