Bollette luce e gas: attenzione al rischio di sospensione della fornitura

Bollette luce e gas: massima attenzione non solo ai rischi di mora ma anche a quelli di sospensione della fornitura. Ecco cosa si deve evitare

bolletta
(pixabay)

Per i consumatori una delle insidie maggiori da evitare resta quello della dimenticanza del pagamento delle bollette per le utenze di casa. In questi casi infatti si può andare incontro non solo a more e sanzioni, ma anche a distacchi delle forniture, principalmente nel caso di energia e gas. Scopriamo quando potrebbe capitare questa ipotesi e quali i passaggi che si devono compiere per evitare guai seri.

In caso di dimenticanza cominciamo con il dire che il fornitore non può procedere al distacco dell’utenza senza aver dato prima un preavviso. Si parla di termine di 20 giorni dal momento dell’invio della diffida e della comunicazione di pagamento. In un primo caso si parte con un primo avviso bonario.

Poi si passa all’invio della raccomandata con diffida che potrebbe arrivare anche con PEC. Da questo momento il fornitore indicherà la data limite entro la quale si procederà poi alle misure previste in caso di insoluto. La prima di queste è la riduzione di potenza dell’energia.

Bollette luce e gas: ecco quando arriva la sospensione

Bollette
Pixabay

Per gli insoluti delle bollette di luce e gas il principale rischio da evitare resta quello di distacco della fornitura. Il primo passo che porta alla drastica misura è quello della riduzione della potenza di energia dopo il mancato pagamento a seguito dell’arrivo della raccomandata o PEC per il pagamento.

Il distacco completo poi arriverebbe una volta trascorsi 20 giorni dalla riduzione della potenza. La sospensione dell’utenza è illegittima in caso di mancata spedizione della raccomandata (o avviso tramite PEC) all’utente, ma anche quando arriva nei giorni festivi. Ma anche nei casi di contenzioso in atto tra utente e fornitore, soprattutto per contestazione delle tariffe applicate.

Leggi anche: Carne, attenzione: cucinarla così può portare a un tumore

Leggi anche: Conto cointestato: in questi casi può essere rischioso

Per arrivare alla riattivazione della fornitura basterà pagare tutti gli importi arretrati che possono anche essere rateizzati a seconda dei vari gestori che possono fornire diverse soluzioni soprattutto con l’arrivo del mercato libero.