Monete rare, questo 2€ circola dal 2005: se la trovi ti fai un bel regalo

Attenzione a questa moneta da 2 euro che circola da un bel po’ di tempo: se la ritrovate vi fareste un bel regalino 

Moneta da 2 euro

Non tutte le monete da 2 euro sono uguali. Per quanto estremamente simili a primo impatto, ce ne sono in realtà alcune diverse e parecchio più singolari e preziose di altre. Riconoscerle non è semplicissimo e necessita di una buona conoscenza della numistica, nonché lo studio e il collezionismo di monete rare, ma può esserci un dettaglio che potrebbe suonare un campanello d’allarme non indifferente: una raffigurazione differente sul retro.

Se non vi è infatti il classico profilo di Dante Alighieri o in alternativa l’aquila tedesca che spesso anche capita nelle nostre parti, drizzate le antenne e fate un primissimo giro sul web per capire che tipo di moneta si tratta e che valutazione potrebbe avere. Perché potreste o tanto trovare un pezzo speciale che vi renderebbe circa un 100 euro vendendolo, oppure una piccola pepita d’oro che vi comporterebbe fino a un 2.000 euro di surplus.

Ti è mai capitato una moneta da 2 euro così? 

Un esempio di pezzi appartenenti alla prima categoria giunge da My Numi, sito specializzato proprio sulla vendita di monete speciali.

monete rare
Moneta da 2 euro San Marino – Anno mondiale della fisica

Leggi anche: Gratta e Vinci da 2€, punta su questo: si vince spesso

Come si evince dalla foto, esiste per esempio questo 2 euro datato 2015 in vendita al prezzo di 124,99 euro sulla piattaforma. Si tratta di un pezzo prodotto a San Marino e realizzato per l’anno mondiale della fisica. Ritrovarselo per caso potrebbe comportarvi all’incirca la stessa cifra citata, sempre in base ovviamente allo stato di conservazione.

Leggi anche: Cashback, tagli in arrivo per i 1.500€ di novembre?

“Nella parte centrale della moneta è illustrata una libera interpretazione del dipinto allegorico di Galileo Galilei denominato La fisica antica. Nella raffigurazione l’anno di coniazione compare su uno scrittoio al di sotto di un globo”, si legge nella didascalia in cui è riportata la storia della moneta.