Nuova truffa in Italia sulla TARI , attenzione se vi capita questa cosa

Alcuni tentativi di tentata truffa a danno di operatori commerciali sono stati scoperti in Sicilia, per la precisione a Catania

(Pixabay)

Ancora una truffa in Italia e questa volta ai danni degli operatori commerciali dedicati al settore del food.

Nello specifico alcuni malviventi si spacciano per operai di una società che sta effettuando il servizio di recupero credito per multe elevate per una società comunale.

Truffa Tari, ecco in che cosa consiste

(Pixabay)

L’ultima delle nuove truffe è stata sventata in Sicilia, a Caltanissetta. Qui alcuni malviventi si sono spacciati per operai della società Dusty che sta effettuando il servizio di recupero credito per multe elevate per la tassa comunale sui rifiuti e/o per l’errato conferimento delle varie frazioni.

I finti operai, nello specifico, stanno cercando di truffare gli utenti non domestici, in particolare quelli dedicati al settore food. L’allarme è stato lanciato dalla stessa Dusty che ha spiegato che la società non chiede somme di denaro agli utenti.

Vari commercianti hanno infatti contattato la polizia municipale dopo aver ricevuto
telefonate sull’anomala trattativa per “conciliare” l’ammenda.

Secondo quanto ricostruito, i truffatori trattano via telefono che l’ammenda sia ridotta a 200 euro invece della somma che va dai 600 ai 1600 euro presenti nell’effettiva sanzione. Tale cifra “scontata” sarebbe da pagare in contanti a soggetti che si sarebbero qualificati come “responsabili” della società Dusty.

Leggi anche: Gratta e Vinci rubato, ufficiale: arriva la decisione finale

Leggi anche: Bancomat, i soldi potrebbero sparire: attiva quest’opzione

Come detto la Dusty ha smentito categoricamente che si tratta dei suoi operai e che non va in giro per gli esercizi commerciali e né tantomeno chiede soldi. La società non si occupa della riscossione di nessun tipo di multa, sanzione, né tributo comunale.

La società invita gli utenti non domestici a stare attenti, a non prestare ascolto a questo raggiro, e qualora ricevessero la proposta di conciliare la presunta ammenda, sono pregati di presentare denuncia alle Autorità competenti.