Gratta e Vinci, vince ma viene arrestato. Il motivo è assurdo

Gratta e Vinci, si registra una nuova follia in queste ore in Italia con un uomo arrestato dopo aver vinto una somma con un biglietto fortunato. Ecco cosa è successo

Gratta e Vinci

Nuova follia sul fronte Gratta e Vinci. Dopo il caso clamoroso di Napoli col furto del biglietto da mezzo milione, storia che vedrà tra l’altro il lieto fine poiché il tagliando ritornerà giustamente nelle mani dell’anziana che potrà godersi il suo mezzo milione di euro, arriva un’altra dinamica assurda per quanto riguarda la lotteria istantanea. 

In questo caso si tratta di una situazione decisamente meno clamorosa e roboante per fatti e per valore della vincita, ma altrettanto bizzarra e ai limiti della follia. Il motivo? Un uomo è passato da una tabaccheria a una caserma a causa di un biglietto vincente. Non direttamente per questo , ma a causa di una tentata furbata che gli è costata cara.

Gratta e Vinci, prova la furbata ma è arrestato 

Gratta e Vinci

Il fortunato, infatti, residente a Seggiano in provincia di Grosseto in Toscana, ha provato a riscotere due volte la vincita maturata. Si tratta di 100 euro, quindi di una cifra minima e con la quale ha pensato di poter beffare il sistema. Così si è prima presentato alla tabaccheria dove gli hanno riconosciuto la somma, poi in un altro dove è stato scoperto.

Leggi anche: Postepay, errore gravissimo: se lo fai lo sportello ‘ingoia’ la carta

Non contento, ha anche minacciato il barista che si è rifiutato di consegnargli la somma. A quel punto è stata allertata la polizia che ha condotto il responsabile – un 61enne – in sede dove è stato denunciato per furto, tentata truffa e minacce. L’accusa di furto è dovuta al fatto che avrebbe dovuto consegnare il biglietto fortunato, e invece con un movimento l’ha ripreso dal bancone dove lo aveva consegnato proprio per tentare nel raddoppio.