Assegno temporaneo, molti rischiano di perdere i soldi: i dettagli

Sta per scadere la data per presentare domanda per l’assegno temporaneo, attenzione a questo particolare

(Pixabay)

Attenzione all’assegno temporaneo, sono in molti quelli che rischiano di perdere i soldi per una piccolezza legata ad una data.

Il 30 settembre scade infatti il termine ultimo per presentare le domande per far si che l’assegno temporaneo venga riconosciuto dal mese di luglio 2021. In caso di presentazione successiva a tale date, la prestazione sarà riconosciuta a partire dal primo giorno del mese di presentazione della domanda.

Assegno temporaneo, attenzione alle date

(Pixabay)

L’assegno temporaneo è una nuova misura di sostegno ai genitori, a seguito della pandemia da Covid-19, con figli minori a carico, inclusi i figli adottati o in affido preadottivo dell’INPS. È riservato alle famiglie con Isee fino a 50 mila euro che non hanno diritto all’assegno per il nucleo familiare.

Hanno diritto all’assegno temporaneo i lavoratori autonomi disoccupati; i coltivatori diretti coloni e mezzadri, i titolari di pensione da lavoro autonomo. La dicitura “temporaneo” deriva dal fatto che la misura riguarda i mesi da luglio a dicembre 2021. Da gennaio 2022 sarà sostituito dall’assegno unico universale, il nuovo strumento unico di sostegno alle famiglie italiane con figli.

Leggi anche: Scuola, supplenze docenti 2021-2022: tutti i chiarimenti del MIUR

L’assegno è destinato solo a nuclei familiari con un ISEE inferiore a 50.000 euro: più è basso l’ISEE più sarà alto l’assegno temporaneo. La misura viene erogata in funzione del numero dei figli e l’importo è diverso a seconda che nel nucleo ci siano uno o due figli minori o almeno tre figli minori.

Con ISEE inferiore a 7.000 euro l’importo è maggiorato del 30%; l’importo spetta in misura piena per ISEE fino a 7.000 euro mentre con ISEE superiori l’importo diminuisce.
Gli importi dell’assegno sono inoltre maggiorati di 50 euro per ciascun figlio minore con disabilità presente nel nucleo, così come classificata ai fini ISEE.

Leggi anche: Queste monete non sono più prodotte: novità per gli acquisti

La domanda può essere presentata fino al 31 dicembre 2021 attraverso il portale web, utilizzando l’apposito servizio online raggiungibile direttamente dalla homepage del portale INPS, accedendo tramite le proprie credenziali; Contact Center integrato, chiamando il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164 164 (da rete mobile a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori); patronati, utilizzando i servizi offerti gratuitamente dagli stessi.

Come detto in precedenza ricordiamo che per le domande che saranno presentate entro il 30 settembre 2021 l’assegno temporaneo sarà riconosciuto dal mese di luglio 2021. In caso di presentazione successiva, la prestazione sarà riconosciuta a partire dal primo giorno del mese di presentazione della domanda.