Prelievo bancomat, nessuno se l’aspetta: con quest’errore scatta il Fisco

Bancomat, brutta sorpresa: se commettete quest’errore rischiate davvero grosso. Si tratta di una situazione che non immaginereste 

bancomat
(Getty Images)

Se prelevare troppo potrebbe risultare un problema per le norme di anti-riciclaggio e per possibili pagamenti in nero, non farlo proprio per un lungo periodo di tempo potrebbe essere ancora peggio. Perché nel mirino dell’Agenzia dell’Entrate, nella questa lotta contro l’evasione fiscale e ogni irregolarità finanziaria, ci sono anche i conti correnti da cui non si attinge mai e senza pagamenti con carta in parallelo.

Bancomat, il pericolo per chi non preleva 

Carte di credito e bancomat troppo costosi, l'allarme Consumerismo No profit
Pixabay

La logica alla base di questa questione è semplice: se il soggetto non preleva il proprio stipendio e non utilizza il bancomat per acquistare, come farà a mantenersi durante il mese o addirittura per un anno? Significherebbe, avere un altro reddito non dichiarato a meno che questo non stia vivendo in maniera estrema e volendo anche inverosimile.

Leggi anche: Questa moneta da 2€ è rara: non usarla, puoi venderla subito

Ed è così, quindi, che scatterebbero subito i controlli del Fisco per approfondire la questione con l’ente che farebbe subito delle domande al diretto interessato. Tutto verrebbe associato ad entrate non dichiarate dal soggetto come l’affitto di una o più case o guadagni da altre attività lavorative parallele, il che gli permetterebbe di vivere senza attingere dalla sua entrata mensile principale.

Leggi anche: Gratta e Vinci, arrivano 2 nuovi biglietti: si vince un tesoro

Il problema, però, sarebbe appunto la mancata comunicazione che implicherebbe il nero. Tutto ciò porterebbe a non pochi problemi per la persona coinvolta, a partire da una pesante sanzione economica. Ecco perché non prelevare, paradossalmente, potrebbe essere parecchio controproducente.