Il bancomat regala soldi? Ecco quando potrebbe capitare

Ci sono molti motivi per cui un ATM potrebbe elargire più denaro di quello richiesto, ma attenzione, di solito i soldi devono essere restituiti

bancomat
(Getty Images)

Quando sono apparsi per la prima volta i bancomat sembrava assurdo che una macchina potesse disensare denaro come fosse una bibita o un caffè. Essendo un dispositivo automatico, in molti hanno covato l’illusione che potessero uscire più soldi di quelli richiesti, si sa, con l’automatizzazione possono capitare errori. E per la maggior parte delle persone quel desiderio è rimasto tale, al punto che molte persone non contano neanche più i soldi che escono fuori, si fidano della macchina. E fanno male.

Spulciando sul web o sulle riviste si trova sovente la notizia dell’ennesimo bancomat “impazzito”, che dispensa denaro più del dovuto. E’ successo in Sicilia, a Napoli, in Sardegna ed in tanti altri luoghi. I meno fortunati hanno visto una somma minore di quella richiesta, ed aperto subito un reclamo alla banca.

C’è stata anche una macchina ATM che ha “sputato” banconote per la strada, scena davvero degna di un film. Ma cosa è successo ai bancomat? Si sono dotati di vita propria e ribellati al loro noioso lavoro? Anche questa potrebbe essere la trama di un film, ma la realtà è diversa, e meno divertente.

Leggi anche: Bancomat, sportelli ATM in diminuzione: ecco cosa sta succedendo

Perché i bancomat dispensano somme di denaro diverse da quelle richieste

bancomat
(Getty Images)

Come già accennato, vari episodi di bancomat impazziti si possono recuperare sul web. Nella maggior parte dei casi la causa è un guasto della macchina, ma ad esempio negli ultimi giorni, è capitato che il motivo delle somme errate sia dovuto ad un attacco hacker da parte di ignoti. Almeno così ha detto la banca.

Leggi anche: Bancomat ‘sputa’ e regala soldi: il motivo è clamoroso

Molto più spesso si tratta di un errore umano, ovvero l’operatore che carica le banconote non esegue l’operazione correttamente, ed i soldi che escono non vengono contanti bene.

In ogni caso, le operazioni sono tracciate, quindi il “fortunato” viene contattato dall’istituto di credito per restituire il denaro. Il banco vince sempre.