Reddito di cittadinanza, tre novità in arrivo per i beneficiari

Sono ben tre le novità in arrivo per tutti i beneficiari del Reddito di Cittadinanza. La misura non sarà abrogata, anzi sarà modificata

(Pixabay)

Il Reddito di Cittadinanza è uno dei temi caldi che il Governo sta affrontando in questi giorni. Molti esponenti politici vorrebbero che la misura fosse cancellata, altri invece che dovrebbe restare ma essere migliorata.

Sono state centinaia di migliaia le famiglie che durante l’emergenza pandemica ancora in corso hanno usufruito del reddito e, per questo motivo, il Rdc dovrebbe restare la principale misura di contrasto alla povertà.

Reddito di cittadinanza, tre importanti novità in arrivo

(Pixabay)

Cancellare di colpo il Rdc non è la strada che il Governo seguirà. La misura continuerà a funzionare anche per il prossimo anno, probabilmente con alcune novità che potrebbero estendere i benefici. Le ultime ipotesi infatti parlano di 3 aspetti del sussidio da rettificare a vantaggio dei beneficiari e richiedenti.

Le ipotesi in campo parlano di estendere ancora di più la platea dei richiedenti del Rdc. Il limite di reddito familiare da rispettare, che è fissato a 6.000 euro, andrebbe infatti innalzato perché si tratta di un limite piuttosto basso. Elevare la soglia amplierebbe la misura arrivando ad intercettare famiglie bisognose oggi escluse dal reddito di cittadinanza.

Ad aumentare dovrebbero essere anche le spese ammissibili: attualmente, infatti, i beneficiari del Rdc hanno un limite di spesa. Con il sussidio non si possono effettuare spese ingenti, anche perché tramite la card gialla con cui si percepisce il sussidio, non sono previsti pagamenti a rate.

Leggi anche: Vincita Gratta e Vinci? Come avere la certezza senza chiedere al tabaccaio

Leggi anche: Reddito di Cittadinanza, novità in arrivo per le famiglie numerose

Ancora, dovrebbe subire modifica il rapporto che si va ad instaurare con l’Inps. Infatti l’Istituto è l’Ente erogatore del sussidio e con lui che i beneficiari dovrebbero interagire per le eventuali problematiche. Attualmente è difficile interagire con l’Inps.