Prelievi bancomat, ecco cosa cambierà da dopodomani

A partire dal 1° settembre ci saranno delle importanti novità per quanto riguarda i prelievi bancomat. Ecco cosa sta succedendo

bancomat
Sportello bancomat (© Getty Images)

Novità importanti in vista per quanto riguarda i prelievi dal bancomat a partire dalla giornata di dopodomani, mercoledì 1° settembre.

L’utilizzo sempre più frequente della moneta elettronica sta portando a cambiamenti graduali ma tangibili che, in pochi anni, porteranno gli italiani a cambiare il modo in cui gestiscono i soldi.

Leggi anche: Bancomat, fai anche tu questa cosa? Rischi di rovinarti 

Prelievi con il Bancomat, ecco cosa cambia

bancomat
Sportello bancomat (© Getty Images)

Ormai l’uso del Bancomat è diventato parte integrante delle abitudini degli italiani. Questa tecnologia è attiva dai primi anni ’80 ed è ancora molto diffusa sull’intero territorio nazionale.

Come ben sappiamo il principale circuito per il prelievo di denaro contante è lo sportello automatico ATM che, generalmente, si trova in prossimità degli istituti bancari. Ancora si possono effettuare transazioni tramite i POS messi a disposizione degli esercenti.

Proprio con l’introduzione dei POS, che hanno sostituito il vecchio metodo di pagamento tramite copia manuale con un apposita macchina della carta di credito, che sono nate altre tecnologie con il Bancomat Pay o BPay.

Il BPay è un servizio di pagamento digitale che prevede l’inclusione all’App ufficiale e che permette passaggi di denaro anche tramite p2p. Questo servizio, a breve, potrebbe prendere piede nel nostro Paese a discapito degli sportelli ATM che stanno diminuendo drasticamente in tutta Italia.

Le tecnologie BPay stanno rendendo, infatti, meno necessarie le filiali ATM. Questo, ovviamente, si ripercuote anche sulle commissioni legate ai prelievi e nello specifico riguardo le commissioni e i limiti di prelievo.

Leggi anche: Questo gesto innocente in autostrada può costarti una stangata

Meno filiali, infatti, significa avere meno entrate e maggiore digitalizzazione da parte degli istituti bancari. Attualmente la commissione “base” di una banca relativa ai prelievi si aggira intorno ai 0,50 centesimi per quanto riguarda la commissione interbancaria, ossia quella “trattenuta” dopo un prelievo in caso di operazione effettuata presso un’altra banca.

A partire dalle prossime settimane l’Antitrust dovrà per forza di cose esporsi in merito alla questione commissioni.