Postepay, attenzione: se ti appare questa notifica c’è un rischio

Tutti i possessori di carte postepay dovranno fare massima attenzione. Se ricevete questa notifica c’è una situazione di grave rischio.

Sono tantissimi gli italiani che utilizzano quotidianamente la loro postepay per svolgere le più disparate operazioni. Il motivo è abbastanza semplice perchè si tratta di una carta prepagata con Iban ma che consente agli utenti di effettuare quasi tutte le operazioni che si potrebbero fare anche con normale conto corrente bancario. Altro aspetto che può risultare rilevate è legato ai costi di gestione che sono decisamente più contenuti, tenendo in considerazione anche la semplicità dell’utilizzo.

Questo, però, non deve assolutamente farci abbassare la guardia rispetto a tutta una serie di problematiche da tenere in considerazione. Negli ultimi anni, purtroppo, sono decine le segnalazioni di truffe. Una circostanza a dir poco spiacevole che potrebbe anche causare danni molto gravi. In questa circostanza vi suggeriamo di fare massima attenzione laddove doveste ricevere una specifica notifica.

Leggi anche: Corrente elettrica: come risparmiare l’80% in bolletta e cosa rischi

Postepay: attenzione a questa notifica

Postepay, la truffa online della carta intestata ad altri
Pixabay

Poste italiane nelle scorse ora ha inviato una mail ai propri utenti, anche attraverso l’applicazione Postepay, per avvisarli di un potenziale pericolo. In particolare facendo riferimento alle varie truffe che sono in atto negli ultimi mesi. Con la notifica inviata Poste Italiana ha alzato la guardia cercando di informare i propri clienti.

Leggi anche: Fedez-Ferragni, affitto choc in Sardegna: quanto spendono a notte 

Ricorda che Poste Italiane S.p.A. e PostePay S.p.A. non chiedono mai i tuoi dati riservati  in nessuna modalità e per nessuna finalità. Se qualcuno, anche presentandosi come un operatore di Poste Italiane S.p.A. o PostePay S.p.A., ti dovesse chiedere tali informazioni, puoi essere sicuro che si tratta di un tentativo di frode, quindi non fornirle a nessuno”, si legge nel messaggio inviato agli utenti.