Truffa Green-pass, questo sms vi svuota il conto: è allarme 

Attenzione a questo messaggio sul green-pass che è già arrivato a molti: è un tentativo di frode e punta al vostro conto corrente. Ecco come riconoscerlo 

Nemmeno il tempo di approvarlo ufficialmente, che oltre all’ondata di polemiche spuntano già le prime truffe per quanto riguarda il dibattuto Green Pass. Necessario per accedere a molteplici locali al chiuso a partire dalla prossima settimana, tale certificazione è mirata per salvaguardia generale in piena pandemia. Un ulteriore mezzo valutato dal governo per tutelare tutti senza necessità di chiusure, soprattutto quando giungerà il conto del post-vacanze proprio come accaduto un anno fa.

Tuttavia, come detto, nemmeno il tempo di attuarlo che già sorgono i primi illeciti. Anzi: tale momento, ricco di confusione e polemica, si rivela anche piuttosto propizio per sguazzarci dentro e provare a ingannare povere vittime ignare della trappola. Perché nella fattispecie non si tratta di truffe indirizzate a green pass falsi per accedere nei luoghi anche se vaccinati – grosso pericolo di cui già si parla -, ma di un tentativo di frode per svuotare il conto corrente di tantissimi italiani.

Truffa Green-pass, nuovo allarme in Italia 

(Pixabay)

Il tutto avviene attraverso un sms truffa giunto già su molti cellulari. E tale messaggio comunica la necessità di cliccare su un link e inserire dati sensibili come il numero della propria carta, il codice di sicurezza sul retro e data di scadenza della stessa. Ovviamente è tutto falso: una volta cliccato, come da prassi, si scaricherebbe inconsapevolmente un virus che, con l’inserimento dei dati richiesti, copierebbe il tutto con gli hacker pronti a far piazza pulita. Insomma, l’ennesimo tentativo di phishing a cui purtroppo siamo abituati.

Leggi anche: Cashback, quando arrivano i pagamenti? Data e ripresa della misura

Questa volta, però, l’inganno si muove su un argomento estremamente sensibile e per il quale c’è grande paura e incertezza. Il consiglio è di diffidare sempre dai messaggi in cui viene richiesto l’inserimento di coordinate bancarie, soprattutto se non è necessario come in questo caso. Si ricorda che per ottenere il green pass, tra gli altri modi, ce ne sono due particolarmente rapidi: o recandosi in farmacia con la propria tessera sanitaria qualora il richiedente abbia ricevuto entrambe le dosi, oppure scaricando l’app Io dove giungerebbe in automatico il certificato con tanto di QR code.