Ecobonus, dal 2 agosto il via ai nuovi incentivi auto

L’ecobonus è stato adottato dagli ultimi governi con grande successo. Dal 2 agosto sarà possibile richiedere l’incentivo green per l’acquisto di auto

auto verde
(pixabay)

Dal 2 agosto prende il via la nuova tranche di ecobonus, prevista dall’attuale governo per incentivare l’acquisto di auto ad emissioni sostenibili. A partire da questa data è possibile prenotare l’incentivo sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico. L’acquisto di auto nuove per ora non è vincolato alla rottamazione.

I veicoli soggetti a bonus devono avere un livello massimo di emissioni di 135 g/km di CO2. Dal 5 agosto partono le agevolazioni per i veicoli commerciali e speciali. Una novità importante inserita nel decreto ecobonus contempla l’utilizzo dell’agevolazione anche per l’acquisto di auto usate. Ma non ci sono ancora notizie sulle tempistiche, i lavori parlamentari devono apportare modifiche ai precedenti decreti.

Leggi anche: L’Onu sta per presentare il nuovo rapporto sul cambiamento climatico mondiale

L’ecobonus, perchè è importante sfruttarlo

co2
(pixabay)

La viabilità su strada, tra mezzi privati e di trasporto commerciale e pubblico, è una delle cause principali dell’innalzamento del livello di CO2 nell’atmosfera, con conseguenti disastri da cambiamenti climatici. Si è potuto rilevare che durante il lockdown l’aria “ha ripreso a respirare”.

Ma nel 2021, con l’allentamento delle restrizioni e la ripresa del turismo di massa in Italia, i livelli di inquinamento hanno subìto un picco, anche superiore all’anno che precede la pandemia.

Ridurre le emissioni di gas serra non è solo un opzione o un’attività filantropica, è un dovere da parte di cittadini e istituzioni. I recenti disastri in Germania e Canada hanno fatto toccare con mano gli effetti del cambiamento climatico. In più, l’Italia è un paese che per la sua composizione geologica, risente maggiormente degli squilibri degli elementi naturali.

Leggi anche: Monopattino elettrico, più di 7 milioni di noleggi nel 2020: il…

Quindi, senza indugi ulteriori, è necessario un impegno da tutte le parti, iniziando dalla riduzione dell’utilizzo quotidiano di strumenti che rilasciano CO2 nell’aria.